rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Tutti giovanissimi / Roma

Chi sono i cinque ragazzi morti nell'incidente di Roma

Nel terribile schianto avvenuto nella notte a Roma hanno perso la vita tre ragazzi di 21 anni, Valerio Di Paolo, Alessio Guerrieri, Simone Ramazzotti, e due 17enni, Flavia Troisi e Giulia Sclavo

Una serata di festa terminata in tragedia, cinque giovani vite spezzate nella notte, nel terribile incidente avvenuto in prossimità del bivio tra la strada provinciale Nomentana e via IX novembre, a Roma.

Incidente a Roma: i nomi delle vittime

Nello schianto hanno perso la vita tre ragazzi di 21 anni, Valerio Di Paolo, Alessio Guerrieri, Simone Ramazzotti, morti sul colpo. Con loro c'erano anche Flavia Troisi e Giulia Sclavo, 17 anni, che sono morte in ospedale. Le loro condizioni erano disperate all'arrivo dei soccorsi. Leonardo C., 21 anni, di Tor Lupara come gli amici, lotta tra la vita e la morte all'ospedale Sant'Andrea.

Tra calcio e viaggi: le foto sui social

Sui social appaiono insieme sin da quando erano poco più che bambini. Flavia Troisi, una delle vittime, aveva appena compiuto 17 anni mercoledì scorso. Con lei c’era Giulia Sclavo, anche lei 17enne, morta subito dopo l'arrivo in ambulanza al Policlinico Umberto I. I tre ragazzi deceduti, appassionati di calcio, avevano fatto anche alcune vacanze insieme, a Venezia. Alessio Guerrieri, 21 anni, nato a Tor Lupara, era un giovane calciatore e giocava insieme a Leonardo C., ferito in grave condizioni, e Valerio Di Palo, appassionato di kick boxing. C’era quest’ultimo al volante della 500, intestata alla madre. Su Instagram si vedono foto di viaggi insieme, a Venezia e Iesolo. Alessio Guerrieri e Simone Ramazzotti erano cugini ed erano cresciuti insieme. "Sei come un fratello" si scrivevano sui social, sotto le foto che li ritraevano insieme da bambini. 

La festa e poi la tragedia 

La tragedia si è consumata dopo che la comitiva di amici aveva passato la serata in un locale della via Nomentana per festeggiare il compleanno di Flavia Troisi, che proprio il 26 di gennaio aveva festeggiato il suo 17esimo compleanno. Saliti sulla vettura in sei - con la Fiat 500 risultata intestata alla madre di Valerio Di Paolo, che secondo i primi riscontri si sarebbe messo alla guida - i cinque stavano tornando a casa. All'altezza del civico 611 della via Nomentana, in prossimità dell'ufficio postale il tragico incidente.

La dinamica da chiarire

La Fiat 500 su cui viaggiavano è andata a finire contro un palo della luce, per poi sbattere contro un albero e ribaltarsi più volte sull'asfalto. Una carambola tremenda, che non ha lasciato scampo ai cinque giovani. A chiamare il 112 gli abitanti della zona che intorno alle 2:30 hanno udito un forte boato, una volta affacciatisi in strada hanno visto la Fiat 500 distrutta e ribaltata sulla sede stradale. 

La dinamica esatta è ancora al vaglio: fondamentale capire che cosa abbia causato il ribaltamento, e quanto abbiano influito velocità e stato dell'asfalto. Ad indagare i carabinieri della stazione di Mentana e della compagnia di Monterotondo. Secondo una prima valutazione a causare l'incidente sarebbe stata la velocità a cui viaggiava l'auto.  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti. Saranno acquisiti dai carabinieri i filmati delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona dell’incidente.

Disposta l'autopsia 

Traslate le salme all'istituto di medicina legale de La Sapienza, è stata disposta l'autopsia sui corpi delle giovani vittime. La procura di Tivoli, che procede per competenza territoriale, ha aperto un fascicolo per omicidio stradale a carico di ignoti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi sono i cinque ragazzi morti nell'incidente di Roma

Today è in caricamento