rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
il filmato / Belluno

Famiglia travolta e uccisa, l'auto che sfreccia e il fragore dell'impatto: il video dell'incidente

Dal filmato delle telecamere di sorveglianza si sente il fragore dell'urto in cui hanno perso la vita tre membri della famiglia Antoniello, padre, figlio di due anni e nonna. Cosa sappiamo, le ultime notizie

Un video potrebbe contribuire a fare luce sull'incidente in cui tre membri di una famiglia sono morti, a Santo Stefano di Cadore, in provincia di Belluno. Nei filmati delle telecamere di sorveglianza ottenuti dai carabinieri, da quello che sembra un magazzino si vede la strada in cui si è verificato l'incidente mortale e un'auto nera arrivare, l'Audi guidata da Angelika Hutter che poi andrà a travolgere e uccidere la famiglia Antoniello. Nel frattempo le indagini proseguono e non si esclude l'ipotesi dell'investimento volontario : gli ultimi sviluppi. 

Il video dell'incidente di Santo Stefano di Cadore

Dopo un paio d'auto, già a diversa distanza si sente il fragore del motore di un Audi guidata dalla donna tedesca Angelika Hutter, che passa a una velocità evidentemente superiore rispetto alle vetture che l'hanno preceduta. Pochi istanti dopo, il fragore dell'impatto e il rumore di una profonda frenata. 

Le immagini potrebbero urtare la vostra sensibilità

Intanto, le indagini sulla conducente proseguono.

Le indagini: dalla velocità ai test antidroga, le ultime notizie

 Angelika Hutter non era sotto l'effetto di alcol o stupefacenti. La donna tedesca ha travolto e ucciso la famiglia Antoniello a Santo Stefano di Cadore, in provincia di Belluno, provocando la morte di papà Marco, del figlio Mattia di soli due anni, e della nonna Maria Grazia. Il drammatico incidente ha distrutto un'intera famiglia, che adesso chiede a gran voce "giustizia".

La 32enne tedesca, originaria di Deggendorf, in Baviera, viaggiava a una velocità superiore a quella consentita, ma secondo gli esami tossicologici, non era ubriaca e non era sotto effetto di sostanze stupefacenti. I test effettuati all’ospedale Giovanni Paolo II di Pieve di Cadore hanno dato esito negativo, motivo per cui non ci saranno aggravanti di questo genere nel capo d’imputazione per omicidio stradale plurimo firmato dal pubblico ministero Simone Marcon.

Auto travolge una famiglia: morti bimbo, papà e nonna. Cosa è successo alla conducente?

Ora, l'attenzione degli investigatori è rivolta alla velocità con cui procedeva l'Audi nera della donna, prima di travolgere e uccidere tre persone. Secondo i carabinieri della Compagnia di Cortina, l'andatura dell'auto era superiore ai 70 km/h, in un tratto di strada urbana in cui è consentito procedere a una velocità massima di 50km/h. Eppure, il video, oltre ad alcuni dettagli e testimonianze, fanno ipotizzare che la velocità fosse ben superiore: l'auto è piombata senza controllo sulla famiglia Antoniello, sbalzando i corpi di Marco, Mattia e Maria Grazia a diverse decine di metri dal luogo dell'impatto.

I carabinieri hanno anche raccolto le parole di un testimone che ha visto la donna litigare furiosamente con una persona, salire in macchina e ripartire sgommando pochi attimi prima dell'incidente. Una delle ipotesi che non viene esclusa è che l'investimento della famiglia di Favaro Veneto (Venezia) possa essere stato deliberato, frutto di una rabbia incontrollata. Ad avvalorare questa tesi la mancanza di qualsiasi segno di frenata, il fatto che in quel punto la strada fosse rettilinea e che i militari, che anche oggi hanno compiuto un sopralluogo per ulteriori verifiche, non abbiamo accertato alcun segno di sbandata prima del punto di impatto.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglia travolta e uccisa, l'auto che sfreccia e il fragore dell'impatto: il video dell'incidente

Today è in caricamento