rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Sangue sulle strade / Reggio Calabria

Spaventoso schianto frontale, distrutta una famiglia: tre morti (tra cui una bimba di 3 anni)

È molto pesante il bilancio dell'incidente di domenica pomeriggio a Melicucco: sono entrate in collisione un'Alfa Romeo Giulietta e una Bmw

Domenica di sangue sulle strade. Un tragico incidente si è verificato in Calabria sulla Limina: due auto si sono scontrate sulla statale Ionio-Tirreno, tre persone sono morte e due sono rimaste ferite. Lo schianto frontale è avvenuto nel pomeriggio nel territorio del comune di Melicucco, in provincia di Reggio Calabria. Tra le vittime c'è anche una bambina di tre anni. Le due auto coinvolte nello scontro frontale sono un'Alfa Romeo Giulietta e una Bmw.

Lo scontro, violentissimo, è avvenuto a pochi metri dallo svincolo per Melicucco. Sul posto, oltre a carabinieri e agenti della Polstrada, sono intervenute alcune ambulanze e l'elisoccorso. Oltre alle tre persone decedute, i feriti sono stati trasportati all'ospedale di Polistena. Sulla Bmw c'era una famiglia originaria di San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, sull'Alfa Romeo Giulietta il solo conducente.

Chi sono le vittime dell'incidente a Melicucco

Non aveva ancora compiuto 4 anni Maya T., la bambina deceduta a seguito delle gravissime ferite riportate nello scontro frontale avvenuto in serata sulla superstrada Ionio Tirreno all'altezza di Melicucco. Assieme alla piccola nell'impatto tra una Bmw e una Giulietta Alfa Romeo, sono decedute una donna di 37 anni, Antonella Campennì, e un uomo di 39, Domenico Politi.

L'uomo alla guida dell'Alfa è morto sul colpo. Sulla Bmw viaggiavano cinque persone, una famiglia intera. Tutti di San Calogero, nel Vibonese. Una giovane coppia davanti, la sorella di lui con sua figlia, dietro. Con la zia e la cuginetta, sui sedili posteriori, c'è anche la figlia della coppia. E' una strage. Muore sul colpo la sorella del conducente, le due bambine sono gravissime, il cuore di una delle due smette di battere prima di arrivare all'ospedale di Polistena, l'altra la portano a Messina con l'elisoccorso. 

La famiglia era di rientro da una gita alle cascate di Bivongi quando è avvenuto il terrificante schianto. Per ore la strada statale 682 è stata chiusa al traffico, con la circolazione deviata su altre arterie locali. Scene strazianti in ospedale dove sono arrivati alcuni parenti delle vittime.

Incidenti stradali: 10 morti nel weekend

Salgono così almeno a dieci le persone che hanno perso la vita nel fine settimana in incidenti stradali in Sicilia, Puglia, Calabria ed Emilia Romagna. Nel catanese sono morti tre agenti di polizia penitenziaria. Dopo avere finito il turno di lavoro, stavano raggiungendo Mineo per assistere alla processione patronale nel grosso centro agricolo della Piana. La loro vettura si è scontrata per cause da accertare con un'altra auto sulla strada statale 385. Gianluca Barbanti, 38 anni, e Giuseppe Spampinato di 49, sono morti sul colpo, mentre Pietro Tatoli, 48 anni, che era alla guida, è deceduto dopo il ricovero nell'ospedale. Per estrarre i corpi dalle lamiere sono dovuti intervenire i vigili del fuoco.

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaventoso schianto frontale, distrutta una famiglia: tre morti (tra cui una bimba di 3 anni)

Today è in caricamento