Martedì, 22 Giugno 2021
L'inchiesta

Finanza nelle sedi Rai, Mediaset e La7: perquisizioni anche a Palazzo Chigi

Nel mirino delle fiamme gialle gli appalti legati alla società di servizi dell'imprenditore David Biancifiori. Tra i 44 indagati ci sono anche due dirigenti della Presidenza del Consiglio dei Ministri dello staff di Berlusconi

Foto di repertorio

ROMA - Dalle prime ore della mattina sono in corso una sessantina di perquisizioni in diverse sedi della Rai, Mediaset, La7 e Infront a Roma, Milano e Napoli. Ad operare sono gli uomini del nucelo di polizia tributaria della Guardia di finanza della Capitale. L'inchiesta si concentra sull'attività di un imprenditore, David Biancifiori, titolare di una società per servizi di supporto alle produzioni tv. 

INDAGATE 44 PERSONE - Secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti della Procura di Roma, il manager avrebbe più volte pagato o reso favori per ottenere dei lavori. Nella vicenda sono indagate 44 persone, tra cui funzionari e dirigenti sia della Rai che delle emittenti private. Il reato ipotizzato nei confronti di dirigenti e funzionari della Rai è quello di corruzione. Per i manager di Mediaset, La7 ed Infront è quello di concorso in appropriazione indebita. Titolare dell'inchiesta è il pubblico ministero Paolo Ielo. 

FINANZA "A PALAZZO CHIGI" - Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, tra gli indagati ci sono anche due funzionari della Presidenza del Consiglio dei Ministri all'epoca del governo Berlusconi. "Si tratta di Roberto Gasparotti, già responsabile dell'immagine televisiva del leader di FI, e Giovanni Mastropietro, già direttore della fotografia dello stesso Cavaliere. Per gli investigatori avrebbero preso soldi dall'imprenditore David Biancifiori che nel 2008 si aggiudicò una commessa da 8 milioni di euro. Per questa ragione, le fiamme gialle hanno acquisito presso il Dipartimento risorse strumentali della presidenza una serie di documenti".

CHI E' BIANCIFIORI - E' agli arresti domiciliari dall'aprile scorso David Biancifiori, titolare di società che organizzano eventi e che forniscono scenografie, gruppi elettrogeni, per diverse produzioni televisive nazionali. Biancifiori è sottoposto a misura cautelare a causa della vicenda tangenti della città di Marino che coinvolge anche il sindaco della centro dei Castelli Romani, Fabio Silvagni. Secondo quanto si è appreso proprio dagli sviluppi di quella storia sono emersi spunti di competenza della magistratura romana, ossia i lavori ed i servizi affidati da Rai, Mediaset, La7 e Infront a società di Biancifiori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanza nelle sedi Rai, Mediaset e La7: perquisizioni anche a Palazzo Chigi

Today è in caricamento