rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
La sentenza / Treviso

Spedizione punitiva e pestaggio: condannata influencer

Tre anni e quattro mesi in appello (come in primo grado) per Christina Bertevello, finita a processo per aver partecipato alla brutale aggressione compiuta dall'ex fidanzato a Busto Arsizio, nel 2019, ai danni di un 18enne. La ragazza aveva atteso in auto con altre due persone

Nel novembre del 2019 il fidanzato, Omar Ampolo, aveva legato a un albero, con delle fascette, e malmenato un 18enne, per motivi legati ad un giro di droga e denaro. Una spedizione punitiva in piena regola. La sua ragazza di allora, l'influencer trevigiana Christina Bertevello, 26 anni, stava attendendo in auto, con altri tre ragazzi, mentre avveniva la brutale aggressione, in una zona isolata nei dintorni di Busto Arsizio.

Abbastanza per essere condannata sia in primo che in secondo grado per concorso in estorsione a una pena di 3 anni e 4 mesi: martedì scorso, in Appello, i giudici di Milano hanno confermato la sentenza emessa dai giudici di Busto Arsizio nel maggio del 2021, equiparando la posizione dell'influencer, star di Instagram, a quella di chi ha materialmente malmenato il 18enne.

L'avvocato della giovane, Stefano Bettinelli, ha già annunciato ricorso in Cassazione; nel frattempo, entro trenta giorni, saranno depositate le motivazioni della sentenza. Il principale protagonista della vicenda, Omar Ampolo, produttore trapper, ha già patteggiato tre anni e sette mesi in primo grado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spedizione punitiva e pestaggio: condannata influencer

Today è in caricamento