rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Di Caprio testimonial della campagna del Wwf contro il commercio di animali

L'attore sfrutta la popolarità per salvaguardare il pianeta

Di Caprio sosteniene il mondo animale e sfrutta la sua popolarità per portare avanti la causa del WWF contro il traffico illegale. Il nome della campagna è “Hands off my parts” (“Giù le mani dalle parti del mio corpo”) e lo scopo è di sensibilizzare l'opinione pubblica circa il commercio della fauna selvatica.

Le richieste sempre più pretenziose del commercio fanno si che rinoceronti, tigri ed elefanti vengano uccisi con frequenza sempre più elevata, ora si è arrivati ai picchi di commercio illegale più alti della storia umana.

Colpa di questi animali è di possedere pelli, ossa, zanne e corna troppo belli e preziosi, vengono così braccati ed uccisi a decine ogni giorno.
Soprattutto la Thailandia è al momento il centro del commercio illegale a livello mondiale. Qui gli elefanti vengono uccisi per il loro preziosissimo avorio e i bracconieri non si accontentano di poter vendere le quantità consentite dallo Stato, grazie ad una scappatoia legale, questi, riescono a vendere enormi quantità di avorio africano proveniente dagli elefanti indiani.

Guarda il video

L'iniziativa permette di firmare la petizione del Wwf che vuole raggiungere un milione di firme entro il 14 marzo per chiedere al Primo Ministro thailandese ,Yingluck Shinawatra, di vietare ogni forma di commercio di avorio in Thailandia.

Ad oggi non ci sono tantissime riserve per questi animali, ma fortunatamente alcune se ne trovano ancora e vengono molto apprezzate dagli amanti della natura; come la riserva naturale indiana del Kerala dove moltissimi esemplari di tigri ed elefanti possono continuare la loro riproduzione della specie indisturbati.

Di Caprio stesso ci ha messo il suo bel faccino e molto impegno chiedendo il supporto delle altre celebrità hollywoodiane sue amiche partecipando a loro modo alla campagna.

Con la petizione si invita il governo thailandese alla conservazione degli elefanti fermando il mercato dell'avorio prima che il Paese ospiti il summit di 177 nazioni sul commercio di specie selvatiche del prossimo mese di marzo'.

Ma Di Caprio non è l'unico attore ad aver preso in mano la situazione ambientale questi giorni, anche il collega e attore Matt Damon, ha deciso di scioperare contro lo spreco di acqua sul nostro pianeta. Ha quindi deciso di smettere di lavarsi e di usare la toilette per denunciare che 2,5 milioni di persone al mondo non hanno accesso a all'acqua potabile e ai servizi sanitari mentre in molti Paesi si spreca in modo vergognoso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Caprio testimonial della campagna del Wwf contro il commercio di animali

Today è in caricamento