rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
CRONACA

"Vergogna, assassini!": Letta e Barroso contestati a Lampedusa

L'isola fischia e insulta il premier - in ginocchio davanti alle bare dei migranti - e il presidente della Commissione europea. Arrestato lo scafista: lo chiamavano "il comandante"

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) - "Vergogna! Vergogna, assassini!". Così un gruppo di manifestanti lampedusani ha accolto i rappresentanti istituzionali (GUARDA IL VIDEO) in visita sull'isola dopo il tragico naufragio di giovedì scorso.

Il presidente della Commissione europea Manuel Barroso, il premier Enrico Letta, il vicepremier Angelino Alfano e il commissario Ue degli Affari Interni Cecilia Malmstrom sono atterrati all’aeroporto di Lampedusa per rendere omaggio alle quasi 300 vittime del naufragio del barcone con i profughi avvenuto davanti alle coste dell’isola.

Barroso, Letta, Alfano e Malmstrom sono stati accolti all’aeroporto di Lampedusa dal prefetto di Agrigento Francesca Ferrandino, dal sindaco Giusi Nicolini e dal presidente della Regione Rosario Crocetta. La prima tappa della loro visita è stata l’hangar dell’aeroporto dove sono sistemate le oltre 200 bare delle vittime.

Strage di migranti a Lampedusa: le immagini

Il presidente del Consiglio si è inginocchiato davanti ai feretri bianchi dei bambini che hanno perso la vita nella tragedia, per un minuto di raccoglimento, e, affiancato dal presidente della Commissione Ue e dal ministro dell’Interno, si è nuovamente inginocchiato per deporre un mazzo di fiori sulle prima fila di bare. Finora sono 288 i cadaveri recuperati dai sommozzatori. E ieri è stato fermato il presunto scafista.

Una decina di manifestanti ha contestato i politici appena arrivati (GUARDA IL VIDEO). I manifestanti hanno urlato: "Vergogna! Vergogna!" nei confronti dei rappresentanti istituzionali prima che questi entrassero nell’hangar dove sono le bare: "Andate al centro di accoglienza. Andate a vedere come vive questa gente. Assassini!", hanno poi aggiunto i manifestanti. (da AgrigentoNotizie)

Letta e Barroso in visita a Lampedusa

Ecco l'intervento del presidente del Consiglio, Enrico Letta: "Serve un lavoro congiunto con la Comunità Europea per fare del 2014 un anno in cui il grande tema dell'immigrazione sia centrale nelle scelte dell'Europa. Abbiamo anche chiesto, con l'appoggio di  Barroso, che il prossimo Consiglio europeo - che si svolgerà il 24 e 25 ottobre prossimi - discuta urgentemente di questo tema che non era all'ordine del giorno. Noi faremo di tutto perché svolti l'attenzione del complesso degli stati europei attorno a questi temi. Se gli stati europei non capiscono il dramma di questa situazione, la Commissione rischia di avere le mani legate. Questo è un dramma europeo che l'Europa deve assumersi come tale. Per quanto riguarda l'Italia, noi abbiamo da mettere in campo alcune iniziative: il Consiglio dei ministri farà intanto un intervento importante sul tema dei rifugiati. In particolare, un intervento che permetterà un'importante allocazione di risorse sul tema dei minori. Altri importanti provvedimenti saranno presi per garantire un'integrazione più civile. Lo dico perché attorno a queste tragedie è bene che anche la nostra pubblica opinione sappia il grande cambiamento che in questi anni è avvenuto. Serve risposta che sia all'altezza di questa nuova sfida".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vergogna, assassini!": Letta e Barroso contestati a Lampedusa

Today è in caricamento