rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Lavoro / Roma

Cassaintegrati ex Alitalia, proteste contro i licenziamenti

Il 14 ottobre scadrà la cassa integrazione e per 4.200 ex dipendenti Alitalia avrà inizio la mobilitàd

Ora è ufficiale: 4.200 dipendenti ex Alitalia verranno licenziati. La notizia circolata già mesi fa è stata confermata dagli stessi lavoratori che venerdì scenderanno in piazza proprio per evitare il peggio. Il prossimo 14 ottobre per piloti, hostess e operai scade infatti la cassa integrazione iniziata tre anni fa e il futuro è nero. L'unica cosa che è in loro potere fare al momento è attivare la mobilità.

I RESPONSABILI PER L'USB. "La nuova Alitalia CAI, nonostante la struttura più snella e le numerose agevolazioni di cui ha beneficiato, non è mai decollata. Da quattro anni continua a perdere utili, allontanando di anno in anno l’annunciato pareggio di bilancio", attacca Usb Trasporto Aereo, in prima linea in questa battaglia.

"Gli unici obiettivi chiari della CAI  - continua la nota - sembrano essere l’abbassamento del costo del lavoro e l’aumento della produttività con la riduzione del numero di occupati. Mentre all’orizzonte si prospettano ulteriori tagli di personale, che ogni volta sembrano essere gli ultimi, ed invece si continua a colpi di mille all’anno, assumendo contestualmente migliaia di precari. Il Piano Fenice si è rivelato un piano di ulteriore ridimensionamento dell'azienda che sembra ormai avviata ad essere una piccola azienda regionale regalando di fatto il Trasporto Aereo in mano a vettori stranieri.

"Serve una politica vera con regole certe, che investa sull’occupazione, perché a pagare gli errori non possono essere sempre e solo i più deboli", conclude il sindacato.
 
L'appuntamento per chi volesse partecipare al presidio è davanti al Ministero del lavoro in via Veneto 56 alle ore 10.

COME ATTIVARE LA MOBILITA'. I lavoratori potranno attivare la mobilità che, ricordano i sindacati, non è automatica. Il lavoratore ha 68 giorni di tempo, a partire dalla data di licenziamento, per iscriversi nelle liste di mobilità e richiedere all'INPS il pagamento dell'indennità di mobilità.

Per l'iscrizione nelle liste di mobilità il lavoratore deve recarsi presso il centro per l'impiego competente, in base alla sua residenza, presentando un documento d'identità e la copia della lettera di licenziamento.

La richiesta dell'indennità di mobilità va presentata direttamente all'INPS, per via telematica per i lavoratori provvisti di PIN, attraverso il Contact Center integrato al numero 803164 oppure tramite patronato.

Sia l'iscrizione alle liste di mobilità che la richiesta dell'indennità non possono essere presentate prima del 13 ottobre 2012. Le domande vanno tassativamente presentate entro 68 giorni dal licenziamento pena decadenza del trattamento.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassaintegrati ex Alitalia, proteste contro i licenziamenti

Today è in caricamento