Lunedì, 21 Giugno 2021
Costa Concordia

La libreria che dice no a Schettino: "Qui non vendiamo il suo libro"

Una libraia di Livorno ha avvisato i clienti con un cartello in vetrina: "Le verità sommerse" del capitano della Costa Concordia non troveranno posto sui suoi scaffali. "Noi non ci vogliamo rendere complici della giustificazione di un uomo che ha causato la morte di trentadue persone", dice Cristiana

LIVORNO - "In questa libreria non vendiamo il libro di Francesco Schettino". Così Cristiana Ricci ha annunciato alla clientela l'intenzione di non vendere la fatica letteraria del comandante della Costa Concordia nel suo negozio, nel centro di Livorno. "Le verità sommerse", scritto da Schettino a quattro mani con la giornalista Vittoriana Abate, non troverà posto tra gli scaffali della "Libreria Marradi", che Cristiana gestisce insieme al padre.

SOLIDARIETA' ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME - "Sarebbe bello se ogni libreria indipendente si assumesse la responsabilità di non vendere il libro di Schettino come abbiamo fatto noi, magari a partire da quelle di Livorno, sarebbe un segnale di solidarietà alle famiglie delle vittime – ha raccontato Cristiana a Il Tirreno - sappiamo che le grandi catene dipendono dalla sede centrale, ma tutte le altre librerie in Italia potrebbero scegliere e mettere un cartello come noi”. Quel cartello ha destato molto scalpore, tanta approvazione ma anche qualche critica. Cristiana però prosegue per la sua strada.

"Abbiamo semplicemente messo un cartello in vetrina, non un modo per farci pubblicità, semplicemente per informare la clientela che se cercano il libro di Schettino devono rivolgersi altrove. Noi non ci vogliamo rendere complici della giustificazione di un uomo che ha causato la morte di trentadue persone, di trentadue famiglie distrutte dal dolore, per un inchino, per una manovra azzardata”.

NO ALLA CURIOSITA' MORBOSA - Quanto all'opportunità o meno di fare quel tipo di annuncio, ironizzando sul fatto che il libro di Schettino potrebbe non diventare mai un bestselle, Cristiana è sicura: "C’è chi ha detto che è stato inutile mettere fuori un cartello dal momento che comunque nessuno avrebbe comprato il libro. Ma in realtà non è così, intorno a queste tragedie spesso nasce una curiosità morbosa, pensiamo a tutti coloro che si sono fatti le foto davanti alla nave affondata, di chi sostiene Schettino durante le presentazioni e chiede autografi, oppure anche a chi semplicemente è curioso di sapere ciò che dice, in fondo sono 19 euro, ecco noi diciamo no ad un guadagno fondato sulla morbosità nei confronti di una tragedia”.

cristiana ricci livorno-2

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La libreria che dice no a Schettino: "Qui non vendiamo il suo libro"

Today è in caricamento