rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Omicidio Loris

Loris, Veronica e gli investigatori sui luoghi del delitto: si cerca lo zainetto

Sopralluogo con l'indagata dell'omicidio nel canalone dove fu trovato il corpo, a casa e sul percorso fino a scuola. Il tutto dopo l'ennesimo interrogatorio. Intanto la Cassazione conferma che la donna rimarrà in carcere

Veronica Panarello si è di nuovo recata a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, con gli inquirenti. Sarebbe uscita dal carcere di Agrigento e ad accompagnarla ci sarebbe anche l'avvocato Villardita. La donna sta ripercorrendo con gli inquirenti tutti i luoghi del delitto: il canalone del vecchio mulino (luogo in cui è stato ritrovato il corpo del piccolo Loris) e la sua abitazione a Santa Croce Camerina dove, per l'accusa, la vittima sarebbe stata

Il tutto è stato deciso dopo l'ennesimo interrogatorio a cui è stata sottoposta, in cui ha detto che il piccolo sarebbe morto per un incidente. Intanto vanno avanti le ricerche dello zainetto del piccolo, all'interno del quale si nasconderebbero quelle fascette incriminate. Ma ancora non è stato trovato: le indicazioni della Panarello non sono ancora state sufficienti. 

LA CASSAZIONE - Intanto la corte di Cassazione ha confermato che Veronica rimarrà in carcere: la custodia cautelare della donna deve essere mantenuta perché si basa "su una coerente analisi critica degli elementi indizianti e sulla loro coordinazione - come si legge nel provvedimento - in un organico quadro che appare dotata di adeguata plausibilità logica e giuridica nell'attribuzione a detti elementi del requisito della gravità nel senso della conducenza con elevato grado di probabilità della responsabilità dell'indagata per l'omicidio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Loris, Veronica e gli investigatori sui luoghi del delitto: si cerca lo zainetto

Today è in caricamento