Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Caserta

Ferito alla testa da un proiettile vagante a Natale, Luigi ha riaperto gli occhi

Da un mese il 14enne si trova in coma farmacologico, dopo essere stato colpito alla testa da un proiettile vagante mentre passeggiava in strada con gli amici. I medici restano cauti

Luigi P., il ragazzo di 14 anni ferito gravemente alla testa nel pomeriggio della vigilia di Natale a Parete da un proiettile vagante, ha riaperto gli occhi.

Da un mese il ragazzo si trova in coma farmacologico nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Caserta. I dottori restano cauti perché Luigi è tutt'ora in coma, ma di certo il fatto che abbia riaperto gli occhi regala una nuova speranza alla sua famiglia. 

"I medici chiamano questa fase ‘coma vigile’: in pratica ci sono dei miglioramenti ma non sono ancora decisivi per segnare una svolta importante tanto da sciogliere la prognosi - spiega Ernesto Di Girolamo su CasertaNews - Luigi P. respira autonomamente e ci sono reazioni spontanee agli stimoli e non ci sono più rialzi febbrili. Certo che è ancora presto per ottenere delle risposte finalizzate agli stimoli esterni".

Fiaccolata per Luigi, colpito da un proiettile: la Procura indaga 

Il ragazzo, giovane promessa del calcio, è rimasto ferito da un proiettile mentre passeggiava con gli amici nei pressi di un bar nel pomeriggio del 24 dicembre. Trasportato all'ospedale Moscati di Aversa, Luigi era stato poi trasferito a Caserta vista la gravità delle sue condizioni. Le indagini su quanto accaduto però non sono ancora riuscite a dare un nome a chi ha sparato. 

La notizia su CasertaNews
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferito alla testa da un proiettile vagante a Natale, Luigi ha riaperto gli occhi

Today è in caricamento