Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Palermo

Caso Contrada, gli avvocati diffidano Inps e ministero dell'Interno

Queste le richieste dei legali: reintegro nei ranghi della Pubblica sicurezza e recupero delle somme non percepite nei 25 anni di interdizione dai pubblici uffici

Bruno Contrada

Bruno Contrada ha il diritto ad essere reinserito nei ranghi dell'amministrazione della pubblica Sicurezza e di percepire le cifre non corrisposte nei 25 anni di interdizione dai pubblici uffici. E' questa la richiesta contenuta nel documento di diffida presentato dagli avvocati dell'ex capo della Squadra Mobile di Palermo e destinato al Ministero dell'Interno e all'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Una cifra di diversi milioni di euro quella da liquidare all ex numero 3 del Sisde, al netto di quella che sarà poi la richiesta di risarcimento per l'ingiusta detenzione.

L'avvocato Stefano Giordano: "La sentenza della Cassazione elimina completamente gli effetti penali della condanna - ha detto il legale di Contrada - Tra questi vi era la sanzione dell'interdizione dai pubblici uffici per il dottor Contrada. Contrada avrà diritto a quel trattamento pensionistico e retributivo che non gli è stato riconosciuto per 25 anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi la Corte di Cassazione ha revocato la condanna a 10 anni inflitta all ex n. 3 del Sisde accusato di concorso in associazione mafiosa, scrivendo di fatto la parola  fine  per un iter giudiziario iniziato 25 anni fa. "E  una sentenza libera e coraggiosa - ha osservato Giordano -. Libera da pregiudizi, libera da incrostazioni, serena. Non è difficile comprendere il percorso logico che ha portato la Cassazione a questa sentenza. Si tratta del recepimento non acritico ma critico della sentenza della Corte Europea dei diritti dell uomo che ha stabilito già che per i fatti contestati a Contrada, il Contrada stesso non doveva essere né processato né condannato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Contrada, gli avvocati diffidano Inps e ministero dell'Interno

Today è in caricamento