rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Violenze sui deboli / Agrigento

Calci e schiaffi a un bimbo disabile: a giudizio due maestre dell'asilo

Il piccolo ha sei anni ed è affetto da disturbi emotivi. La mamma, insospettita per i lividi, si è rivolta ai carabinieri che hanno posizionato delle telecamere nell'istituto: le immagini mostrano le percosse ripetute da parte di un'insegnante di sostegno e un'altra collega

A processo ad Agrigento due maestre d'asilo. Sono accusate di avere avuto comportamenti violenti contro un alunno. Schiaffi, sculacciate e in una circostanza persino un calcio per "punire" un bimbo di 6 anni troppo vivace e indisciplinato a causa della sua disabilità, che comporta un disturbo di emotività. 

La madre del piccolo disabile, insospettita dai lividi sul corpo che aveva notato al suo ritorno dall'asilo nido, si rivolge ai carabinieri che avviano un'indagine e piazzano delle telecamere nascoste nella classe: le immagini sarebbero inequivocabili. Il piccolo, per l'intero periodo di osservazione, dal 3 al 20 febbraio del 2020, sarebbe stato sistematicamente percosso da due insegnanti fra cui quella di sostegno che, in maniera specifica, avrebbe dovuto occuparsi di lui in ragione dei disturbi collegati alla disabilità.

Nei filmati si vede il piccolo colpito dalle due maestre (di cui si omettono le generalità per evitare che possa essere individuata la presunta vittima degli abusi) con schiaffi, sculacciate e - in una circostanza - anche con un calcio sulla coscia. Fra le tanti immagini agghiaccianti agli atti dell'inchiesta quella in cui si vede il piccolo barcollare dopo avere incassato uno schiaffo al volto oppure quella in cui viene trascinato per terra. Il 20 febbraio del 2020 le immagini, sostiene l'accusa, documentano una delle giornate più movimentate: il piccolo, in meno di 20 minuti, per placare l'agitazione dovuta al suo stato di emotività alterato, viene sculacciato e colpito - è l'atto di accusa della procura - con numerosi schiaffi a viso, spalla, mani e nuca. 

Il bimbo sale sulla cattedra e una delle maestre lo percuote per farlo scendere provando, ma senza riuscirci, a tirargli le orecchie. La vicenda, dopo la richiesta del pubblico ministero Gianluca Caputo di disporre il rinvio a giudizio delle due insegnanti, è approdata in aula per l'udienza preliminare davanti al gup Stefano Zammuto.

I difensori delle due imputate (gli avvocati Domenico Russello, Simona Fulco e Sebastiano Bellanca) hanno chiesto il giudizio abbreviato e il procedimento è stato aggiornato al 26 settembre. La madre del piccolo, che adesso ha 9 anni, si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Salvatore Cusumano.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e schiaffi a un bimbo disabile: a giudizio due maestre dell'asilo

Today è in caricamento