rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
molestie

"I ragazzi della scuola vicina ci molestano": le studentesse scendono in piazza

In un volantino le alunne del liceo Selvatico di Padova denunciano la difficile convivenza con i coetanei dell’istituto tecnico Bernardi: "Epiteti a sfondo sessuale, bottiglie lanciate e sputi"

Sono scesi in piazza ed erano circa 700 questa mattina, disertando le aule per protestare. Gli studenti del liceo Selvatico di Padova hanno manifestato in centro: al centro delle proteste la chiusura della loro sede 'storica' chiusa da settembre per motivi di sicurezza, ma sopratutto la difficile convivenza con i coetanei dell’istituto tecnico Bernardi. In un volantino si parla di vere e proprie molestie dei maschi verso le ragazze.

Epiteti a sfondo sessuale

"Epiteti a sfondo sessuale, violazione della privacy attraverso video, bottiglie lanciate dai piani superiori e sputi", recita il volantino distribuito per le vie di Padova prima che il corteo si fermasse in prefettura per un sit-in. Con l’occasione gli studenti e le studentesse hanno annunciato anche l’occupazione denunciando che nella nuova scuola la condizione è molto peggiore di quella che hanno lasciato nella vecchia sede di via Japelli, abbandonata per motivi di sicurezza. Attualmente gli alunni vanno a scuola tra la succursale di via Belzoni e l’ex sede del centro Bentsik di via Manzoni.

Il volantino

Oltre ai problemi logistici e di spazio, le studentesse hanno spiegato: "Nella sede di via Manzoni subiamo diversi disagi, mancano telefono e bidelli, non c’è la campanella, le lavagne fanno schifo e durante la ricreazione subiamo epiteti a sfondo sessuale, violazione della privacy attraverso video e molestie con sputi e bottiglie lanciate dai piani superiori".

Sul banco degli imputati i 'colleghi' del Bernardi, istituto principalmente maschile, che a detta delle studentesse dell’artistico perpetuano ai loro danni delle vere e proprie molestie ogni giorno.

La notizia su PadovaOggi
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I ragazzi della scuola vicina ci molestano": le studentesse scendono in piazza

Today è in caricamento