rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
MANIFESTAZIONI

L'assedio ai potenti: le due giornate di Roma

Oggi i sindacati di base "contro le ricette di Fmi e Ue che in nome della stabilità impongono al nostro paese rovinose politiche sociali", domani "assedio ai palazzi del potere": l'Italia è in piazza

ROMA - Il giorno dell'assedio è arrivato. Il week end più caldo della Capitale, con la paura di un nuovo 15 ottobre, è alle porte e ci sarà da "divertirsi" per una due giorni di manifestazioni che si annuncia quanto mai bollente. Oggi è stata la volta dei sindacati di base e dello sciopero generale, solo parzialmente rientrato a Roma

L'appuntamento era alle dieci in piazza della Repubblica dove è partito il corteo di Usb, Cobas e Cub con direzione piazza San Giovanni, luogo simbolo mai passato di moda. Gli obiettivi sono stati sempre gli stessi: "Le drastiche ricette del Fmi, della Bce e dell'Unione Europea che in nome della stabilità monetaria impongono al nostro paese rovinose politiche sociali - hanno spiegato i sindacati - Per un serio piano nazionale sull'occupazione basato su opere socialmente necessarie, contro ogni forma di precarietà. Per la difesa della scuola, dell'università, della ricerca e della previdenza pubblica, per la regolarizzazione generalizzata di tutti i migranti e l'abolizione della Bossi Fini. Per la democrazia sui posti di lavoro".

SCIOPERO GENERALE, CORTEO A ROMA | FOTO DANIELE NALBONE

A San Giovanni, in serata, si terranno interventi delle organizzazioni promotrici, una "accampata" con speaker corner tematici e si alterneranno sul palco artisti e gruppi musicali. La fine dello "show" segnerà, poi, l'inizio del momento che si annuncia più teso, con il sindaco Marino che ha auspicato "manifestazioni democratiche e lontane da ogni forma di violenza". Molti dei manifestanti del venerdì, infatti, si accamperanno, letteralmente, nella piazza e aspetteranno il sabato: la giornata dei collettivi e dei movimenti

L'intervista: "In piazza chi lotta, non la vecchia politica"

MANIFESTAZIONE A ROMA: BANCHE BLINDATE

La giornata della "sollevazione generale contro precarietà e austerity" e "dell'assedio ai palazzi del potere". La giornata indetta "per conquistare le piazze e costruire insieme la nostra unica grande opera: reddito, casa e dignità". Il corteo partirà alle 14 da San Giovanni e arriverà nel tardo pomeriggio a Porta Pia, in zona Ministero delle Infrastrutture. Lì No Tav, No Muos, movimenti per l'abitare, sindacati di base e semplici cittadini stanchi protesteranno senza sosta. Le tende per l'#assedio ad oltranza ai palazzi del potere sono pronte. Le due giornate di Roma sono iniziate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assedio ai potenti: le due giornate di Roma

Today è in caricamento