rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Svolta nelle indagini / Latina

Questo potrebbe essere l'uomo che ha ridotto in coma Marco Pannone

Diffusa dalla polizia britannica l'immagine di una telecamera di sorveglianza il sospettato che avrebbe selvaggiamente picchiato il 25enne a Londra nella notte fra venerdì e sabato scorso

Ha un volto l'uomo sospettato di avere picchiato Marco Pannone, il giovane italiano di 25 anni originario di Fondi (Latina) selvaggiamente picchiato a Londra la notte tra il 2 e il 3 dicembre fuori ad un pub nella zona di Brixton, nell'area sud della Capitale. Mentre Pannone si trova ancora ricoverato in terapia intensiva in coma a causa delle ferite riportate, Scotland Yard ha diffuso un'immagine ricavata da una telecamera a circuito chiuso. Nel fotogramma si vede un ragazzo dall'apparente età di 20 anni, cappotto nero con un cappuccio di pelliccia.

Il presunto aggressore di Marco Pannone

In base a quanto emerge dai primi accertamenti investigativi, gli inquirenti britannici stanno ricercando due individui coinvolti nel pestaggio. Gli investigatori della polizia metropolitana londinese tramite la diffusione della foto segnaletica contano di poter identificare il sospettato per ricostruire cosa sia avvenuto all'esterno del pub dove l'italiano lavorava come cameriere.

Tutto quello che si sa per ora è che intorno alla mezzanotte del 3 dicembre la polizia è stata chiamata a Ferndale Road dopo la segnalazione di un uomo ferito a terra. Ascoltando anche testimoni, gli investigatori hanno accertato che verso le 23.10 Pannone è stato avvicinato da due uomini con cui ha avuto un breve colloquio. Secondo il racconto di alcuni testimoni citati dai media britannici, il giovane sarebbe stato aggredito dopo aver detto ai due clienti di lasciare il locale. Uno dei due ha poi improvvisamente colpito la vittima con un pugno in faccia, facendolo cadere a terra. Pannone ha sbattuto violentemente la testa sul marciapiede mentre i due uomini si sono dati alla fuga. Una aggressione che gli inquirenti definiscono "non provocata".

In un primo momento Pannone si sarebbe rialzato ma dopo pochi minuti la situazione è drammaticamente cambiata, tanto che sono stati allertati immediatamente i soccorsi. Il giovane, che si è trasferito a vivere nella capitale inglese circa sei anni fa, è stato trasportato al pronto soccorso del vicino King's College Hospital. Il quadro delle lesioni è apparso subito gravissimo. I medici hanno sottoposto il ventenne ad un delicato intervento chirurgico. A causa del trauma alla testa i medici hanno deciso di asportare parte della calotta cranica per cercare di scongiurare danni irreversibili. Pannone è stato poi trasferito nel reparto di terapia intensiva dove lotta tra la vita e la morte.

Ad allertare i familiari è stato un amico del giovane. Sabato mattina la sorella ha ricevuto un messaggio su Facebook. "Marco è stato aggredito, lo hanno portato in ospedale, era in gravi condizioni", la drammatica comunicazione arrivata sul profilo social della ragazza. I familiari hanno, quindi, raggiunto Londra dove sono assisti anche da personale del Consolato Generale d'Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Questo potrebbe essere l'uomo che ha ridotto in coma Marco Pannone

Today è in caricamento