Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Asti

Tabaccaia uccisa a coltellate nel suo locale

Ha lottato per quasi dodici ore ma alla fine non ce l'ha fatta Maria Luisa Fassi, la donna aggredita e uccisa con 25 colpi di coltello all'addome. Ancora mistero sul movente. Dieci giorni fa, sempre ad Asti, il misterioso omicidio di un camionista

foto valdinotomagazine.it

ASTI - È morta Maria Luisa Fassi, la tabaccaia aggredita alle 7.30 di sabato 4 luglio nel suo negozio con venticinque coltellate all'addome e lasciata agonizzante in una pozza di sangue. Quasi dodici ore di agonia dopo il suo cuore ha smesso di battere, alle 19, nell'ospedale di Asti.

Ancora da chiarire la dinamica, ma gli inquirenti hanno dubitato fin da subito che si sia trattato di una rapina. Dal locale della Fassi, che affaccia sul trafficato corso Volta, non mancherebbe nulla. L'aggressore è fuggito lasciando tracce di sangue sul pavimento e sul marciapiede e i carabinieri stanno analizzando i filmati registrati in una pizzeria vicina. 

ASTI TREMA - Dieci giorni prima dell'aggressione mortale di Maria Luisa Fassi, la tranquilla città della provincia Piemontese era stata sconvolta dall'omicidio di un autista in piazza del Palio. L'uomo, Francesco Indino, 52 anni, è stato ucciso a bastonate mentre si apprestava a salire a bordo del suo camion per iniziare la giornata di lavoro. A fine dicembre poi, un altro tabaccaio è stato ucciso a revolverate: stava difendendo la moglie.

Scrive il quotidiano piemontese La Stampa

Nella provincia ai primi posti per i furti negli alloggi e nei negozi, che reclama sicurezza – composta e senza grida – il sentimento più sotterraneo e doloroso che si percepiva ieri, di fronte al ventaglio di ipotesi, era la strisciante speranza che si trattasse d’un fatto privato. Come se la banalità del voler dare la morte per ragioni personali mettesse in qualche modo al riparo da un rischio collettivo. «A quell’ora non aveva incasso», «troppi fendenti» sono constatazioni per chi indaga, rassicurazioni per chi si muove turbato fra strade, condomini, villette, vetrine e banconi. Una rassicurazione più faticosa che cinica, sconsolata più che disumana.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tabaccaia uccisa a coltellate nel suo locale

Today è in caricamento