Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Tabaccaia uccisa ad Asti, parla il killer: "Troppi debiti, ho agito per disperazione"

In attesa della decisione del gip, Pasqualino Folletto, autore dell'omicidio di Maria Luisa Fassi, confessa le ragioni del suo folle gesto

Ora bisogna aspettare. A breve dovrebbe arrivare la deciosione del gip, Giorgio Morando, sulla convalida dell'arresto di Pasqualino Folletto, l'autore dell'omicidio di Maria Luisa Fassi, la tabaccaia astigiana. Intanto gli avvocati che lo assistono, Silvia Merlino e Stefano Romagnolo, hanno spiegato che, dopo l'interrogatorio l'uomo è apparto distrutto, stanco e sinceramente provato: "Il nostro assistito ha risposto in modo sincero, tra le lacrime, a tutte le domande e ha ribadito di avere agito perché disperato per i troppi debiti, con le banche e con i parenti, che si era fatto per pagare le cure della figlia malata".

 
Intanto Pasqualino Folletto è sorvegliato a vista nel carcere di Quarto d'Asti, dove si è svolta l'udienza di convalida dell'arresto: "La moglie del nostro assistito - hanno aggiunto i difensori - è addolorata e sconvolta. Non si immaginava neppure lontanamente una cosa del genere e verrà presto in carcere a trovare il marito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tabaccaia uccisa ad Asti, parla il killer: "Troppi debiti, ho agito per disperazione"

Today è in caricamento