rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Marijuana di Stato

Italia, c'è il sì alla marijuana di Stato: la produrrà l'Esercito

Secondo un indiscrezione de "La Stampa", il governo avrebbe detto sì all'uso della marijuana per scopi curativi. A produrla sarà l'Istituto farmaceutico militare di Firenze

ROMA - Non più controllare e sequestrare, o meglio non solo. Ma anche produrre. L'Italia dice sì alla coltivazione della "marijuana di Stato", a scopo terapeutico, e a "crearla" sarà l'Esercito. Il via libera, racconta "La Stampa", è stato dato dai ministri della Difesa e della Salute, Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin. L'ok sarebbe arrivato dopo varie polemiche e rallentamenti ma la notizia dovrebbe essere ufficializzata entro la fine di settembre. 

Secondo quanto racconta il quotidiano torinese, la cannabis - e i farmaci ad essa collegati - saranno prodotti nell'Istituto farmaceutico militare che ha sede a Firenze. Lo stabilimento, nato con l'obiettivo di produrre farmaci per curare i militari, ha ora esteso la sua attività al settore civile e dai prossimi giorni potrebbe cominciare a fare spazio alla "marija". 

Attualmente la cannabis terapeutica viene importata dall’estero, con costi alti, per lenire le sofferenze dei malati di Aids e di cancro. In Italia la prima legge che autorizza l’uso terapeutico della marijuana risale al 1990 ma ancora nulla è stato fatto. Negli ultimi anni quattro regioni - Puglia, Emilia Romagna, Veneto e Toscana - hanno disciplinato il settore con delibere che garantiscono la copertura finanziaria per l’approvvigionamento dei farmaci ma trovare effettivamente i medicinali alla marijuana resta un'impresa non da poco. 

Streetparade antiproibizionista a Roma - Foto Selene Cilluffo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia, c'è il sì alla marijuana di Stato: la produrrà l'Esercito

Today è in caricamento