rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Omicidi

Rimini, accoltellato per un debito di cento euro: muore dopo 6 giorni di agonia

E' finita in tragedia la lite tra due nordafricani in uno stabile abbandonato di via Bassi. I dettagli

E' spirato venerdì mattina all'Infermi di Rimini, dopo 6 giorni di agonia, il marocchino 33enne ritrovato accoltellato domenica in uno stabile abbandonato di via Bassi. Il nordafricano non si era mai ripreso dalla ferita all'addome e, nonostante le cure dei sanitari, il suo cuore ha cessato di battere nel reparto di Rianimazione dove era ricoverato in seguito all'intervento che aveva cercato di salvarlo.

Il presunto accoltellatore, un tunisino 41enne regolare in Italia in quanto sposato con una italiana, si era consegnato alla polizia di Stato nella mattinata di giovedì assumendosi la responsabilità del fendente all'addome.

Vista la situazione, al termine degli accertamenti di rito, ieri gli inquirenti della squadra Mobile della Questura di Rimini che indagavano sull'aggressione lo avevano semplicemente denunciato a piede libero per tentato omicidio.

Rimini, accoltellato in uno stabile abbandonato

Col precipitare degli eventi, tuttavia, il capo d'imputazione è stato riformulato dal pm che coordina le indagini in omicidio aggravato dai futili motivi ed è quindi scattato l'arresto. La lite tra i due nordafricani di domenica scorsa, secondo quanto emerso, era stata innescata da un debito di droga da 100 euro.

La notizia su RiminiToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini, accoltellato per un debito di cento euro: muore dopo 6 giorni di agonia

Today è in caricamento