"Martina Rossi non si suicidò": caso riaperto, rinviati a giudizio due amici

Un audio registrato getta una nuova luce sul caso della giovane genovese morta precipitando dal balcone di un albergo di Palma di Maiorca il 3 agosto del 2011. A processo Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi

Martina Rossi e alcuni frame tratti dal video dell'interrogatorio dei due indiziati Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni (Video da Chi l'ha visto?)

A 6 anni dalla morte di Martina Rossi, la studentessa genovese precipitata dal balcone di un hotel di Palma di Maiorca, finiscono a processo Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, i due giovani aretini accusati di “morte come conseguenza di altro reato”: secondo l’accusa, la sera del 3 agosto del 2011 Martina stava scappando proprio da loro, finendo per cadere dal sesto piano mentre cercava di sfuggire a un tentativo di violenza sessuale.

Fondamentale, per indirizzare l'indagine, l'idea degli agenti italiani di piazzare una microspia nella saletta in cui i due aspettavano di essere interrogati. Era il febbraio 2012: quando il primo tornò per far entrare l'altro, sussurrò una frase illuminante sulla presunta assenza di segni di un tentato stupro. Anche se di stupro con loro i poliziotti non avevano fatto cenno

Come riporta Genova Today Albertoni e Vanneschi, entrambi 26enni, avevano chiesto l’archiviazione del caso: nel corso delle prime udienze davanti al giudice per l'udienza preliminare di Arezzo i loro avvocati avevano sostenuto che la giovane, depressa a causa della fine di una precedente relazione, si era volontariamente gettata dal balcone perché respinta da uno dei due giovani. Una tesi che i familiari di Martina (il papà Bruno è stato fondamentale per la riapertura del caso) e il procuratore capo della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi, avevano respinto, così come fatto anche dal giudice. Che ha dunque deciso di rinviare a giudizio Albertoni e Vanneschi.

L’inizio del processo è fissato per il 13 febbraio 2018: un primo importante passo avanti in un’inchiesta che si trascina ormai da anni, e che ha dovuto fare i conti con la decisione, da parte delle autorità spagnole, di chiudere il caso come suicidio. Soltanto gli sforzi dei genitori di Martina, e delle Procure congiunte di Genova e di Arezzo, avevano consentito di riprendere in mano il fascicolo e approfondire le indagini, individuando nuovi elementi che ieri hanno portato al rinvio a giudizio.

Il video andato in onda su Rai 3 a Chi l'ha visto?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

  • Test sierologici, solo 1 su 4 finora ha detto sì: "Se ricevete una chiamata da questo numero rispondete"

Torna su
Today è in caricamento