rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
L'imprenditore indagato

Massimo Ferrero esce dal carcere: passerà il Natale ai domiciliari

L'ex presidente della Sampdoria si trovava a San Vittore dal 6 dicembre. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha deciso di attenuare la misura detentiva accogliendo la richiesta degli avvocati

L'ex presidente della Sampdoria Massimo Ferrero passerà il Natale ai domiciliari. Così ha deciso il Tribunale del Riesame di Catanzaro, che ha accolto la richiesta degli avvocati Luca Ponti e Giuseppina Tenga, per un'attenuazione della misura della custodia in carcere. Ferrero si trovava a San Vittore dal 6 dicembre scorso con l'accusa di bancarotta fraudolenta.

Dopo l'arresto il gip aveva spiegato che esisteva "un concreto e gravissimo pericolo di commissione di delitti analoghi a quelli per cui si procede". Per questo per l'ex patron della Sampodoria si erano aperte le porte del carcere. Ora però il giudice del Riesame, pur confermando il quadro indiziario, ha deciso di applicare una misura cautelare meno afflittiva per Ferrero, alla luce dei suoi 70 anni d'età. 

Le accuse contro Ferrero

Nelle 27 pagine dell'ordinanza si addebitano a Massimo Ferrero oltre trenta reati previsti dalla legge fallimentare e dal codice penale, che vanno dalla bancarotta fraudolenta all'occultamento di beni in pregiudizio dei creditori. Buona parte dei reati contestati all’imprenditore romano sarebbero stati compiuti con l'ausilio di familiari e persone di fiducia. Assieme a Ferrero nell'inchiesta sono coinvolte a vario titolo altre otto persone, accusate di reati societari e bancarotta. Si tratta ovviamente di accuse ancora tutte da provare. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo Ferrero esce dal carcere: passerà il Natale ai domiciliari

Today è in caricamento