Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Freddo gelido dopo Capodanno: "Con lo sbalzo termico raccolti a rischio"

Le previsioni spaventano gli esperti del settore agricolo: "Il caldo record di dicembre sarà un problema con l'arrivo delle gelate"

ROMA - Da un lato il caldo record di questo dicembre insolito. A ciò si aggiunge un autunno con una temperatura superiore di oltre un grado alla media. Con le gelate in arrivo dopo Capodanno a causa della ritirata dell'anticiclone di queste settimane l'agricoltura italiana rischia di pagare un dazio elevatissimo. 

LE PREVISIONI - Dal 28 dicembre le correnti fredde porteranno un'ondata di gelo artico. A ciò si aggiunge la formazione temporanea di una bassa pressione sul Mediterraneo alimentata sia da aria mite che da aria artica. Il risultato? Precipitazioni nevose fino a queste basse su molte regioni fino al giorno dell'Epifania.

NEVE IN ARRIVO IN QUESTE CITTA'

L'ALLARME - Da qui l'allarme: "Dopo il caldo record di dicembre con un autunno che dal punto di vista climatologico ha fatto segnare una temperatura superiore di 1,1 gradi la media, lo sbalzo termico rischia di provocare gravi danni alle colture se non avverrà in modo progressivo". E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento all'andamento climatico anomalo, sulla base dei dati Isac Cnr.

La bolla di calore se prolungata può risultare pericolosa per le piante che, 'ingannate' dalle temperature miti, riprendono vita e rischiano di essere poi bruciate da gelate causate dal brusco abbassamento della temperatura. 

LA SITUAZIONE - "Il caldo di queste ore è molto anomalo, sia in pianura, sia in collina e sia in montagna e le piante è come se si trovassero in una sorta di primavera anticipata ed alcune piante da frutto potrebbero manifestare un risveglio, con le gemme che si rigonfiano diventando vulnerabili al freddo inverno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Freddo gelido dopo Capodanno: "Con lo sbalzo termico raccolti a rischio"

Today è in caricamento