Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Migrante ucciso a Fermo, Mancini patteggia condanna a 4 anni per omicidio

La vedova ha rinunciato al risarcimento in cambio dell'impegno del condannato a pagare 5mila euro per il rimpatrio della salma in Nigeria

Amedeo Macini ha patteggiato una condanna a 4 anni per l'omicidio preterintenzionale del migrante nigeriano Emmanuel Chidi Nnmadi. E' stato quindi ratificato l'accordo raggiunto a dicembre tra la difesa e la Procura. La vedova Chinyere Emmanuel era presente all'udienza e, assistita dal legale Letizia Astorri, ha rinunciato alla costituzione di parte civile e al risarcimento, chiedendo soltanto il rimborso di 5mila euro per portare la salma del marito in Nigeria. Mancini, scrive Repubblica, si è impegnato a contribuire, con l'aiuto di amici, alle spese per la traslazione. 

Delle tre aggravanti contestate ad Amedeo Mancini, è stata ritenuta insussistente quella dei motivi abietti e futili; è stata mantenuta quella razziale, ma con una rilevanza concreta "poco più che simbolica". "Pur potendo comportare un aumento di pena fino a cinque anni - spiegano gli avvocati - l'incremento concordato era stato di soli tre mesi". A Mancini è stata riconosciuta l'attenuante della provocazione, per la quale "è stata applicata la riduzione della pena nella massima estensione possibile, pari a tre anni e cinque mesi". Con la sentenza è stato portato a otto ore giornaliere il permesso di uscita per lavoro dell'ultrà, che resta agli arresti domiciliari.

L'avvocato Astorri ha commentato: 

Ciò che la sentenza non racconta è che Chinyere, compagna di Emmanuel, oggi ha rinunciato a ogni azione risarcitoria nei confronti di Mancini, a fronte del pagamento dell’unica somma di 5.000 euro richiesta per il rimpatrio in Nigeria della salma di Emmanuel, essendo l’unico desiderio espresso dalla parte offesa

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migrante ucciso a Fermo, Mancini patteggia condanna a 4 anni per omicidio

Today è in caricamento