Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Catania

“Il Cara di Mineo deve chiudere”: eppure è ancora lì

A giugno la Commissione parlamentare d'inchiesta sull'accoglienza ai migranti aveva chiesto la chiusura del centro: ma ad oggi nulla è cambiato

Il Cara di Mineo (FOTO ANSA)

Migranti che entrano ed escono eludendo in controlli, prostituzione e caporalato: sono soltanto alcune delle problematiche che riguardano il Cara di Mineo, in Sicilia, il centro d'accoglienza per richiedenti asilo più grande d'Europa. Una vera e propria cittadina in cui vivono più di 1.500 ospiti che, secondo un documento pubblicato dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sull'accoglienza ai migranti, dovrebbe essere chiuso.

Carlo Colloca, docente di sociologia del territorio e consulente della Commissione: "Il timore di chi noi noi aveva ispezionato la struttura, parlamentari e consulenti, era che di fatto contribuisse a una sorta di distretto economico della marginalità,  con tutta una serie di marginalizzazioni in termini di diritti, per gli ospiti, ma io dico anche di delegittimazione per tutte le persone - autoctoni, forze dell'ordine e chi lavora nella struttura - che è esposto a una situazione a dir poco anomala".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rapporto della Commissione parlamentare

Nel suo rapporto, la commissione scriveva senza appello, all'unanimità: va chiuso nel più breve tempo possibile. Una linea d'indirizzo ad oggi rimasta lettera morta. Intanto i militari sorvegliano la zona ma si è creato a Mineo un microcosmo di illegalità; dal giro di prostituzione che affolla le strade provinciali, ai tassisti abusivi che per pochi euro portano a Catania, al caporalato che sfrutta la manodopera dei migranti nelle coltivazioni della zona.

"Gravita intorno all'ex Cara di Mineo una rete di economie legate all'agricoltura, in parte anche all'edilizia, che vista la possibilità di entrare e uscire dal Cara senza particolari problemi, favorisce lo sviluppo di pratiche di caporalato. Sono passati quasi sei mesi anzi qualcosa di più da quando la commissione ha chiesto che fosse chiuso nel più breve tempo possibile. Il Cara è ancora aperto e abbiamo registrato ai primi di gennaio questo omicidio, in virtù di questo entrare e uscire che può avvenire evidentemente con estrema facilità".

Il Cara di Mineo

Nato nell'ex Residence degli Aranci in provincia di Catania nel 2011, sotto il governo Berlusconi, il centro oggi è un simbolo di tutte le difficoltà dell'accoglienza in Italia, inclusa l'illegalità che si nutre della disperazione. Nel corso dell'ultimo anno ci sono state anche diverse proteste dei richiedenti asilo, soprattutto quando sono state modificate alcune regole all'interno del Cara. Ma oltre al degrado e ai problemi, ci sono anche cose positive, coma affermato in una intervista a Today dall'ingegnere Giuseppe Di Natale, attuale direttore del centro accoglienza siciliano.

"Il Cara di Mineo deve chiudere": il documento della Commissione parlamentare

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il Cara di Mineo deve chiudere”: eppure è ancora lì

Today è in caricamento