Giovedì, 22 Aprile 2021

L'annuncio di Minniti: "Nel 2018 10mila profughi in Italia con i corridoi umanitari"

Il ministro dell'Interno illustra a Repubblica il nuovo modello di gestione dei flussi "con l'altra parte del Mediterraneo" e ribadisce: "Per me sicurezza e libertà vanno tenute insieme"

All'indomani dell'arrivo dei primi 160 rifugiati giunti in Italia con uno dei voli umanitari dell'aeronautica militare dalla Libia, il ministro dell'Interno Marco Minniti delinea in un'intervista a Repubblica la nuova gestione dei flussi migratori. Prima c'è stato un lavoro di contenimento dei flussi, ha spiegato il titolare del Viminale, e poi "in soli sei mesi abbiamo messo in piedi il primo corridoio umanitario della storia, dalla Libia a un Paese europeo". L'obiettivo? "Nel 2018 10mila persone arriveranno in Europa senza rischi". 

Un nuovo modello migratorio

"Con la cooperazione delle autorità libiche, abbiamo costruito un nuovo modello di gestione dall'altra parte del Mediterraneo", ribadisce Minniti, ricordando che, "secondo gli obiettivi dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni contemporaneamente saranno 30mila i migranti senza diritto all'asilo che rientreranno a casa con rimpatri volontari. Quest'anno lo hanno fatto in 18mila".

Gli accordi trovati con Tripoli hanno permesso di individuare le persone che hanno diritto alla protezione internazionale, spiega Minniti, e chi arriva tramite il corridoio umanitario ha già il titolo di rifugiato e non di richiedente asilo. Le organizzazioni internazionale intanto possono visitare i centri di accoglienza e "migliorarne le condizioni, oggi ancora inaccettabili", conclude Minniti. 

Fine dell'emergenza?

Per poter lanciar questo nuovo sistema, chiarisce Minniti, era prima necessario chiudere la rotta del mare e impedire gli sbarchi, perché "solo dopo aver posto uno stop all'illegalità dei flussi abbiamo potuto costruire percorsi legali per i migranti in Libia".

Per Minniti è finita così l'era delle soluzioni "emergenziali" al problema migratorio, ricordando inoltre che, oltre al calo degli sbarchi, c'è stata anche "un'impennata dei ricollocamenti: quest'anno abbiamo trasferito in altri Paesi Ue oltre 11mila migranti, l'anno scorso eravamo fermi a quota 2500" e anche sul fronte sicurezza ci sono stati buoni risultati: "abbiamo già espulso 103 persone con il rimpatrio per motivi di sicurezza nazionale e preso misure eccezionali di controllo del territorio". "Per me sicurezza e libertà vanno tenute assieme", conclude Minniti. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'annuncio di Minniti: "Nel 2018 10mila profughi in Italia con i corridoi umanitari"

Today è in caricamento