Lunedì, 1 Marzo 2021

Migranti ai minimi storici, settembre record: meno di mille sbarchi

Da gennaio ad ottobre i richiedenti asilo sbarcati in Italia sono stati poco più di 21mila, praticamente un quinto rispetto all'anno precedente. Il mese scorso gli arrivi sono scesi sotto quota mille: non succedeva da quattro anni

Foto di repertorio

In Italia si continua a parlare di emergenza migranti, ma nel 2018 gli sbarchi nel BelPaese di profughi e richiedenti asilo sono crollati ai minimi storici.

Nei dati aggiornati a mercoledì 3 ottobre del Dipartimento della Pubblica sicurezza, il numero degli immigrati arrivati in Italia dal 1° gennaio ad oggi  è di 21.112 unità. Un calo superiore all'80% se si pensa che nel 2017 gli sbarchi erano stati più di 106mila e nel 2016 addirittura 132mila.

Un'inversione di trend che va collegata sia al calo degli arrivi dalla Libia, da 98mila a 12mila, sia alle politiche adottate negli ultimi mesi dal ministro dell'Interno Matteo Salvini

Schermata 2018-10-03 alle 13.24.57-2

Settembre, un dato storico

Dal punto di vista statistico a settembre è stato registrato un dato storico sugli arrivi dei migranti in Italia. Lo scorso mese gli sbarchi sono stati 947: erano almeno quattro anni che non si scendeva sotto i mille al mese, risultato già sfiorato nel 2018 nei mesi di febbraio e marzo, periodi sicuramente più avversi di settembre per tentare la rischiosa traversata del Mediterraneo. Il grafico che pone in confronto i dodici mesi degli ultimi tre anni mostra come, fatta esclusione per gennaio, la diminuzione sia stata drastica. 

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.11-2

A 'pesare' sul record di settembre la significativa settimana tra il 23 e il 30, in cui ci sono stati ben 7 giorni di 'sbarchi zero'. Ripresi soltanto l'1 ottobre con l'arrivo di 88 persone. 

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.05-2

Migranti e sicurezza, decreto approvato: tutte le novità

Dove sbarcano i migranti

Le infografiche del Dipartimento della Pubblica sicurezza mostrano anche la classifica dei porti maggiormente interessati dagli sbarchi dal 1° gennaio al 3 ottobre 2018. Al primo posto con 3.554 arrivi c'è Pozzallo, seguito con 2.961 da Catania e con 2.634 da Lampedusa, con la lista che continua con Augusta, Messina, Trapani e Palermo, a confermare come la Sicilia, per ovvi motivi geografici, sia la principale destinazione, almeno iniziale, dei migranti partiti dal Nord Africa. Molto meno gettonate Calabria, Puglia e Sardegna. In particolare Cagliari è il porto che ha fatto registrare meno sbarchi nel 2018: soltanto 162.

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.17-2

Da dove arrivano i migranti

Nonostante la Libia sia il principale luogo di partenza dei cosiddetti 'barconi', le nazionalità di chi arriva in Italia sono molto variegate. Al primo posto in questa speciale classifica troviamo la Tunisia, da cui sono arrivate nel 2018 4.575 persone, seguita dall'Eritrea con poco più di 3mila.

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.22-2

Ma i migranti non arrivano soltanto dall'Africa. Tra i principali Paesi da cui arrivano i richiedenti asilo ci sono anche Pakistan e Iraq, senza contare gli oltre 4mila profughi per cui sono in corso le pratiche di identificazione. Il grafico a torta aiuta a capire il 'peso' della Tunisia nel quadro degli sbarchi: praticamente un migrante su cinque è tunisino.

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.40-2

Minori non accompagnati

In grandissimo calo rispetto al passato anche gli sbarchi dei minori accompagnati. Nei dati aggiornati al 1° ottobre del Dipartimento della Pubblica sicurezza, nel 2018 sono arrivati in Italia 3.254 minorenni senza genitori, quasi un quinto rispetto agli oltre 15mila del 2017. Dato che diventa ancor più impressionante se confrontato con quello del 2016, quando in dodici mesi sbarcarono in Italia quasi 26mila minori non accompagnati.

Schermata 2018-10-03 alle 13.25.47-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti ai minimi storici, settembre record: meno di mille sbarchi

Today è in caricamento