rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Soccorsi in mare

Salvati più di 1.200 migranti in un giorno. Polemica sul video Salvini-Meloni

Il giorno dopo il Cdm di Cutro i due leader della maggioranza cantano al karaoke 'La canzone di Marinella' di De Andrè

Mentre sale a 76 il numero delle vittime del naufragio di Cutro la guardia costiera comunica di aver salvato nelle ultime ore oltre 1.200 migranti. Due imbarcazioni, con a bordo rispettivamente 500 e 379 migranti, sono state soccorse ieri nel Mar Ionio a oltre 100 miglia al traverso della cose di Roccella Ionica, in acque Sar Italiane. Sempre nella notte di ieri un barcone con a bordo 487 migranti è stato soccorso a 60 miglia al traverso di Crotone da due motovedette Sar della guardia costiera. A dare supporto alla guardia costiera nelle operazioni di salvataggio anche la guardia di finanza e una nave della marina militare.

Arrivi a raffica di migranti (tutti soccorsi)

Nel frattempo è scoppiata una feroce polemica sul video diffuso da Nicola Porro sui social della festa per i 50 anni di Matteo Salvini. Nelle immagini si vede il leader della Lega e la premier Meloni cimentarsi nel karaoke, intonando 'La canzone di Marinella' di De Andrè (24 ore dopo il Cdm di Cutro). Duri i commenti dell'opposizione, dalla capogruppo del Pd alla Camera Serracchiani al sindaco di Bologna Lepore.

"Le immagini del karaoke della presidente del Consiglio Meloni e del ministro Salvini sono agghiaccianti e inqualificabili - dichiara in una nota Michele Gubitosa, vicepresidente del Movimento 5 Stelle -. Prima mettono in piedi un Cdm imbarazzante, che ha svelato tutta l'inadeguatezza della premier, poi si nascondono e scappano dalle famiglie delle vittime del naufragio. Infine, come se non bastasse, appena rientrati a Roma festeggiano come se nulla fosse. È l'ennesimo insulto, uno sfregio a chi sta ancora piangendo i propri cari".

Festa a sorpresa per i 50 anni di Salvini: il duetto con Meloni

Michel: "Lavorando insieme e con decisione dobbiamo prevenire queste tragedie"

"Non c’è tempo da perdere", ha risposto in una lettera alla Meloni il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel ricordando che "il tragico naufragio al largo di Crotone è un forte richiamo alla necessità di trovare soluzioni reali e praticabili per gestire meglio la migrazione e combattere il traffico di migranti. L'attuazione delle conclusioni del Consiglio europeo di febbraio è ora fondamentale. Non abbiamo tempo da perdere ed è per questo che la presidenza svedese del Consiglio e la Commissione ci informeranno sui progressi finora compiuti già durante il prossimo vertice del 23 e 24 marzo. La rapida attuazione delle misure concordate è una priorità per tutti noi e conto fermamente sull'Italia in questo senso. Lavorando insieme e agendo con decisione dobbiamo evitare che si ripetano tragedie così terribili come quella al largo della Calabria".

Cosa cambia in concreto sui migranti (slogan a parte) 

Governo: "Ue usi tutte le politiche e strumenti necessari"

"Per il governo italiano la determinazione del presidente Michel circa una rapida attuazione di quanto concordato al Consiglio europeo di febbraio rappresenta un ulteriore passo in avanti in vista del Consiglio europeo di marzo - si legge in una nota di Palazzo Chigi -. Occorre realizzare misure concrete di aumentata azione esterna, una cooperazione rafforzata in materia di rimpatri e riammissioni, il controllo delle frontiere esterne dell'Ue e la lotta al traffico di esseri umani, utilizzando tutte le politiche e gli strumenti necessari da parte dell'Ue". 

Nel giorno della manifestazione  'Fermare la strage subito', organizzata a Steccato di Cutro dalla Rete 26 febbraio dopo il naufragio del barcone di migranti che ha causato fino ad oggi 76 vittime accertate, Frontex fa sapere che da inizio anno gli sbarchi sono più che raddoppiati.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvati più di 1.200 migranti in un giorno. Polemica sul video Salvini-Meloni

Today è in caricamento