Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca Ragusa

Migranti sfruttati nelle serre: in manette due imprenditori

Angelo e Valentino Busacca, titolari di un'azienda di Vittoria, in provincia di Ragusa, sono stati arrestati dalla polizia: pagavano tre euro l'ora per la raccolta dei pomodori, in condizioni disumane e senza giorni di riposo

La polizia nell'azienda dei fratelli Busacca (FOTO ANSA)

Due imprenditori di Vittoria sono stati arrestati dalla polizia di Ragusa con l'accusa di sfruttamento. In manette sono finiti i fratelli Angelo e Valentino Busacca, titolari di un'azienda con oltre 40mila metri quadrati di coltivazioni, in cui la manodopera veniva impiegata illegalmente. Nelle serre dei Busacca vigeva un vero e proprio caporalato, ai danni di 26 operai, 19 richiedenti asilo, 5 rumeni e due tunisini, di cui sette vivevano in abitazioni fatiscenti all'interno dell'azienda stessa.

Lavoravano 8 ore al giorno per 25 euro, senza ferie, riposo o astensione, fatta eccezione per qualche domenica. Gli agenti hanno scoperto tutto con un blitz nelle serre in cui hanno colto in flagranza d gli operai impiegati nella raccolta dei pomodori.L'azienda dei due fratelli era stata già controllata nel 2015 ed erano state evidenziate le stesse carenze. Grazie al nuovo articolo 603 bis sul caporalato e lo sfruttamento di manodopera, Angelo e Valentino Busacca sono stati arrestati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti sfruttati nelle serre: in manette due imprenditori

Today è in caricamento