Giovedì, 5 Agosto 2021
Omicidi

Milano, massacrato dal vicino a colpi di pietra in testa: morto un uomo di 62 anni

L'uomo è morto dopo sei giorni di agonia. La folle aggressione il 16 agosto scorso

Il luogo dell'aggressione

Dopo quasi una settimana di agonia, il suo cuore ha smesso di battere. È morto lunedì pomeriggio all’ospedale Policlinico di Milano, Salvatore Milici, il sessantaduenne - di origini catanese - che lo scorso 16 agosto era stato aggredito a colpi di mattonella da un vicino di casa

Quella mattina, poco prima delle undici, Hicham Hamdan, ventiseienne marocchino con problemi psichici - si era appostato tra due auto e si era scagliato contro la vittima, lasciata moribonda sull’asfalto in un lago di sangue. 

Fracassa la testa del vicino: le foto su MilanoToday

Milici era stato soccorso e ricoverato, in coma, nell’ospedale della Ca’ Granda, dove lunedì i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso. 

Il suo assassino, che viveva nel suo stesso palazzo di via Palmieri, era stato fermato dai carabinieri all’interno della sua abitazione: era tornato lì per togliersi dalle mani e dai vestiti il sangue della vittima e per cercare di nascondersi.

Fermato, aveva detto ai militari che da una settimana il sessantacinquenne continuava a insultarlo, fino a spingerlo a compiere il folle gesto.  

A questo punto, per lui, l’accusa dovrebbe trasformarsi in omicidio. 

La notizia su MilanoToday
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, massacrato dal vicino a colpi di pietra in testa: morto un uomo di 62 anni

Today è in caricamento