Sabato, 25 Settembre 2021
Strage quotidiana

Incidenti sul lavoro: tre morti in poche ore

Le vittime a Pietrasanta (Lucca), Livorno e Napoli. Si indaga anche su un incidente nell'Aretino

Uno stillicidio intollerabile, una strage quotidiana quella delle morti bianche. Tre incidenti sul lavoro in poche ore. Un operaio di un laboratorio di marmo a Pietrasanta, in provincia di Lucca, è morto schiacciato da due lastre che stava pulendo. Un suo collega è rimasto ferito. Sul posto è intervenuta l'automedica del 118, ma per l'uomo, sulla cinquantina, non c'è stato nulla da fare. Salgono così a tre le vittime di incidenti sul lavoro nelle ultime 24 ore. A Livorno un marittimo è deceduto dopo essere stato colpito da un cavo d'acciaio. A Napoli è morto un addetto impiegato per i lavori alla metropolitana della città. Si indaga su una possibile quarta vittima sul lavoro ad Arezzo.

Un morto sul lavoro a Pietrasanta

Secondo una prima ricostruzione, l'addetto è rimasto travolto da due lastre di marmo in una ditta sulla via Aurelia a Pietrasanta. Con un collega era impegnato in operazioni di pulizia delle lastre appena tagliate quando i fermi hanno ceduto. Uno è morto sul colpo, l'altro è riuscito a spostarsi ed è rimasto ferito lievemente. Sul posto sono intervenuti anche gli operatori della Prevenzione Igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro della Asl (Pisll), oltre alle forze dell'ordine per gli accertamenti del caso.

L'incidente sul lavoro a Livorno

Sempre in Toscana, un marittimo di origine filippina, 55 anni, è morto dopo essere stato colpito da un cavo di acciaio mentre si stavano effettuando le operazioni di ormeggio di una nave. L'incidente è accaduto al porto di Livorno. Secondo una prima ricostruzione l'uomo sarebbe stato colpito in pieno dal cavo che si è spezzato. Subito soccorso dal 118, intervenuto con un'ambulanza, nonostante i tentativi di rianimazione il 55enne è deceduto.

L'incidente sul lavoro a Napoli e la vittima nell'Aretino

Un dipendente di 59 anni della società Icm per conto di Metropolitana di Napoli è morto nel capoluogo campano mentre lavorava nel cantiere della linea 1 nel tratto compreso tra il Centro direzionale e Capodichino. A perdere la vita è stato Luigi Manfuso, 59 anni, che lascia la moglie e due figli. La notizia è stata data con una nota dal segretario generale della Fillea Cgil di Napoli. Un'altra possibile tragedia sul posto di lavoro è accaduta nell'Aretino dove un 73enne è caduto mentre stava potando un albero. L'uomo ha fatto un volo di sei metri ed è morto. L'incidente è avvenuto in un'azienda agricola di Castiglion Fiorentino (in provincia di Arezzo). Sul posto sono arrivate automedica e ambulanza del 118.

I sanitari hanno effettuato tutte le operazioni per rianimare il paziente ma il 73enne è deceduto. I carabinieri e la polizia municipale, vista la dinamica e il luogo dell'incidente, hanno chiesto l'intervento degli ispettori Asl, ipotizzando che si possa trattare di un incidente sul lavoro.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti sul lavoro: tre morti in poche ore

Today è in caricamento