rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Eutanasia

Dj Fabo morto in Svizzera: "Cappato rischia fino a dodici anni di carcere"

Il politico dei Radicali che ha accompagnato Fabiano Antoniani nel suo ultimo viaggio rischia una condanna pesantissima. Lo denuncia Filomena Gallo, segretario dell'associazione Luca Coscioni

Marco Cappato, ex eurodeputato dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, è stato l'unico politico (o quasi) a non lasciare solo Fabo nel suo ultimo viaggio verso il suicidio assistito in Svizzera

Un gesto coraggioso e umano, troppo umano forse per le leggi italiane che in casi del genere prevedono pene severissime. E quella di una pesante condanna per Cappato non è un’ipotesi fantasiosa, ma una possibilità purtroppo concreta come ha ricordato su SkyTg24 Filomena Gallo, segretario dell’associazione Luca Coscioni. "Marco rischia 12 anni di carcere" per essersi "preso la responsabilità" di tale atto, ha detto Filomena Gallo che ha poi ricordato come molti malati siano "costretti ad emigrare per ottenere l'eutanasia e ciò è discriminatorio anche per i costi che ciò richiede, fino a 10mila euro".

"Fabiano era un uomo circondato dall'amore, l'amore della fidanzata, della famiglia, degli amici sempre presenti. Ma non ne poteva più, non riusciva più a vivere in quelle condizioni - ha aggiunto Gallo Fabo è morto un'ora fa e siamo ancora sconvolti. Ce lo aspettavamo, certo, ma è triste che un italiano debba andare all'estero per affermare la propria libertà".

A tal proposito Il Giornale ricorda che l'articolo 580 del codice penale italiano è piuttosto chiaro:

"Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l'altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l'esecuzione, è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni. Se il suicidio non avviene, è punito con la reclusione da uno a cinque anni, sempre che dal tentativo di suicidio derivi una lesione personale grave o gravissima. Le pene sono aumentate se la persona istigata o eccitata o aiutata si trova in una delle condizioni indicate nei numeri 1 e 2 dell'articolo precedente. Nondimeno, se la persona suddetta è minore degli anni quattordici o comunque è priva della capacità d'intendere o di volere, si applicano le disposizioni relative all'omicidio".

L'eutanasia è infatti considerata un intervento attivo (e non passivo come la sospensione delle cure) e come tale rientra nelle ipotesi previste e punite dall’articolo 579 (omicidio del consenziente) o dall’articolo 580 (istigazione o aiuto al suicidio) del codice penale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dj Fabo morto in Svizzera: "Cappato rischia fino a dodici anni di carcere"

Today è in caricamento