rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Il dramma

Precipita col deltaplano e muore a 32 anni: "Viveva per volare, era la sua passione più grande"

È sconvolto Floriano Zeffiri, titolare della carpenteria Cmtpl di Castel Bolognese in cui lavorava Fatjon Garxenaj, il 32enne albanese che ieri ha perso la vita in un tragico incidente in deltaplano a Filetto insieme al suo istruttore

È sconvolto Floriano Zeffiri, titolare della carpenteria Cmtpl di Castel Bolognese in cui lavorava Fatjon Garxenaj, il 32enne albanese che ieri ha perso la vita in un tragico incidente in deltaplano a Filetto insieme al suo istruttore. Fatjon, che viveva a Faenza con la compagna, era impiegato come saldatore nella ditta di Castel Bolognese da più di 7 anni, crescendo professionalmente dall'apprendistato fino a diventare artigiano professionista.

Deltaplano precipitato, due vittime

"Era un bravissimo ragazzo, sia dal punto di vista umano che lavorativo - racconta Zeffiri - Era un ottimo lavoratore e non dava mai fastidio a nessuno, era molto volenteroso. Ci raccontava spesso dei suoi voli, qui dietro abbiamo un campo e lui sognava di partire da casa e di atterrare qui. Aveva iniziato da qualche mese, ma credo gli mancasse poco a ottenere il brevetto. Parlava sempre della sua passione più grande, del deltaplano, era molto entusiasta. A lui piaceva volare, viveva per volare, lo faceva anche insieme alla sua compagna. Diceva che un giorno avrebbe voluto comprarsi un ultraleggero".

In carpenteria sono tutti molto scossi, alcuni colleghi hanno scoperto della tragedia solo una volta arrivati a lavoro. "Non sappiamo ancora bene se tenere aperto oggi e chiudere solo il giorno del funerale o chiudere già oggi, alcuni colleghi di Fatjon hanno preferito tornare a casa. È una notizia che non avremmo mai voluto ricevere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita col deltaplano e muore a 32 anni: "Viveva per volare, era la sua passione più grande"

Today è in caricamento