Domenica, 21 Luglio 2024
Favara / Agrigento

Nasconde vincite al gioco per non perdere reddito di cittadinanza: assolto

Aveva incassato poco meno di 26mila euro

Era accusato di avere nascosto due vincite al gioco, per un importo complessivo di poco meno di 26mila euro, e non averlo comunicato per non perdere il reddito di cittadinanza. Vincite che in effetti c'erano state ma, considerato quanto aveva "investito" per scommettere al gioco "Cash games", l'attivo era stato di 5.500 euro ovvero 500 euro in meno della soglia che va comunicata obbligatoriamente per legge. 

Il giudice monocratico Michele Dubini ha, quindi, assolto Mario Bellavia, 32 anni, di Favara. Bellavia, secondo la ricostruzione dell'episodio, il 19 giugno del 2019 e il 17 settembre dell'anno successivo, incassa due vincite. La prima, al gioco "Cash games", di 19.200 euro. La successiva, invece, è una scommessa a quota fissa che gli frutta 6.500. 

La circostanza, così come tante altre e in generale tutte quelle che incidono nel reddito individuale, secondo il pm avrebbe dovuto essere comunicata in quanto percettore del reddito di cittadinanza. Il controllo incrociato successivo delle banche dati ha consentito, invece, di accertare che aveva omesso di farlo perché, sempre secondo l'ipotesi iniziale dell'accusa, avrebbe perso i requisiti per accedere al beneficio.

In dibattimento, tuttavia, alcuni finanzieri che avevano eseguito gli accertamenti, sollecitati in particolare dal difensore, l'avvocato Salvatore Cusumano, hanno spiegato che fra le somme investite e le due vincite il saldo era di poco inferiore ai 6.000 euro che avrebbero reso obbligatoria la comunicazione sulla variazione del reddito. Lo stesso pubblico ministero, quindi, aveva chiesto l'assoluzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasconde vincite al gioco per non perdere reddito di cittadinanza: assolto
Today è in caricamento