Martedì, 9 Marzo 2021

Ucciso da un cacciatore, vicino al corpo di Nathan un fucile con matricola abrasa

Lo rivela l'Ansa, citando fonti inquirenti. Nello zaino di Nathan Labolani trovate anche una cinquantina di munizioni

E' stata trovata un'arma, un fucile calibro 12, con matricola abrasa accanto al corpo di Nathan Labolani, il 18enne morto ad Apricale, in provincia di Imperia, dopo essere stato colpito all'addome da un colpo di fucile sparato per sbaglio da un cacciatore 29enne impegnato in una battuta di caccia. Lo apprende l'Ansa da fonti inquirenti.

Al momento è ancora da chiarire la dinamica dell'accaduto così come il possesso dell'arma da parte del giovane, che non aveva il porto d'armi, ma secondo quanto ricostruito il 18enne aveva con sé anche una cinquantina di munizioni, addosso un coltellino, e indossava un berrettino mimetico.

La posizione del cacciatore che ha sparato resta invariata e risulta indagato per omicidio colposo. Gli inquirenti stanno cercando di capire la dinamica dei fatti, per chiarire se il giovane fosse o meno solo. Da verificare anche l'ipotesi, al momento non esclusa, che il ragazzo stesse a sua volta cacciando. Il pm Luca Scorza Azzarà che indaga sulla vicenda, nel frattempo ha disposto l'autopsia che sarà eseguita domani dal medico legale Sara Lopinto di Genova.

"Dicano tutta la verità - ha detto il padre della vittima, Enea Labolani -. C'è un giallo che va chiarito. Come mai il corpo di mio figlio è stato passato da parte a parte ma il suo zaino non aveva una macchia di sangue?".

Tragedia di Nathan Labolani, l'appello: "No alla caccia di domenica" 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso da un cacciatore, vicino al corpo di Nathan un fucile con matricola abrasa

Today è in caricamento