Lunedì, 8 Marzo 2021
Reggio Calabria

'Ndrangheta, duro colpo alla cosca Alvaro: tra i fermati anche un sindaco

Diciotto persone fermate. Le indagini dei carabinieri hanno fatto luce sugli interessi criminali della cosca Alvaro, una delle più agguerrite cosche del mandamento tirrenico della 'ndrangheta reggina

Foto repertorio

Alle prime ore di lunedì ha preso il via una vasta operazione del Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria, in esecuzione di un fermo di indiziato di delitto dalla Direzione distrettuale antimafia reggina nei confronti di persone ritenute appartenenti alla cosca Alvaro di Sinopoli, accusate di associazione di tipo mafioso, estorsione, truffa aggravata, trasferimento fraudolento di valori, aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose. Sono 18 complessivamente i fermati.

Le indagini dei carabinieri hanno fatto luce sugli interessi criminali della cosca Alvaro, una delle più agguerrite cosche del mandamento tirrenico della 'ndrangheta reggina, in grado di infiltrare enti pubblici e amministrazioni locali per influenzarne le scelte e acquisire illecitamente appalti e finanziamenti pubblici.

C'è anche il sindaco di Delianuova (Reggio Calabria) Francesco Rossi, eletto nel 2015 con una lista civica, tra i fermati nell'ambito della maxi operazione anti 'ndrangheta dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria.

Addio al "padre coraggio" che chiedeva giustizia per il figlio ucciso dalla ‘ndrangheta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta, duro colpo alla cosca Alvaro: tra i fermati anche un sindaco

Today è in caricamento