Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Rovigo

Neonato abbandonato in una borsa davanti al cimitero: salvato dopo corsa contro il tempo

A Rovigo. Era in ipotermia. Indagini in corso dei carabinieri per raccogliere le testimonianze sull'accaduto e per risalire all'identità dei genitori del bambino

Le prime ore della sua vita le ha trascorse piangendo, abbandonato in un borsone gettato davanti al cimitero di Rosolina Mare, Rovigo.

Un passante attento ha udito il flebile pianto del neonato e chiamato le forze dell'ordine. Il 118 è subito intervenuto, ed è scattata una corsa contro il tempo: le condizioni del piccolo sarebbero critiche anche se il quadro clinico è in miglioramento: prima di essere soccorso avrebbe trascorso diverse ore nel borsone. Quando è stato trasportato d'urgenza all'ospedale di Adria era in condizioni di ipotermia.

Alle 11.30 il sospiro di sollievo: un comunicato stampa dell'Ulss 5 Polesana ha annunciato che, grazie all'intervento del Suem, si è riusciti a salvare la vita al piccolo, che quando è stato soccorso aveva ancora il cordone ombelicale attaccato.

Indagini in corso da parte dei carabinieri per raccogliere le testimonianze sull'accaduto e per risalire all'identità dei genitori del bambino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonato abbandonato in una borsa davanti al cimitero: salvato dopo corsa contro il tempo

Today è in caricamento