Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Epifania con la bufera di neve, la Protezione civile avverte: "Limitare gli spostamenti"

Gelo artico in arrivo: Autostrade per lʼItalia ha pronto il "Piano Neve" con oltre 600 mezzi operativi coinvolti. Queste le zone più a rischio dove sono previsti accumuli anche di mezzo metro

La bufera dell'Epifania, com'è stata battezzata dai meteorologi, sta per arrivare e porterà neve e gelo anche al Centro-sud. La Protezione civile ha già invitato i cittadini a prepararsi adeguatamente, limitando gli spostamenti soprattutto in quelle regioni dove la neve è poco frequente. I Comuni dovranno verificare i piani di emergenza.

Neve e gelo, la situazione su strade e ferrovie

La massa d'aria molto fredda di origine artica proveniente dal nord-est europeo investirà il centro e il sud d'Italia da giovedì notte a venerdì pomeriggio.

Date le previsioni per i prossimi giorni e l'allerta in corso è necessario prepararsi per rispondere adeguatamente alle eventuali situazioni di criticità che potrebbero verificarsi, dalle istituzioni ai cittadini", ha spiegato il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio.

Gelo e neve in arrivo: il rischio di nevicate sarà accompagnato da un tracollo delle temperature e da venti gelidi settentrionali. Nelle giornate di venerdì (Epifania) e sabato vivremo il picco del gelo con il rischio neve non solo sui settori interni, ma anche lungo le coste del medio Adriatico, al Sud e nel nord della Sicilia. Il freddo sarà ancora più pungente per effetto del raffreddamento da vento (wind chill) causato dai forti e gelidi venti settentrionali che soffieranno con raffiche fino a 100 km/h.

L'avviso prevede nevicate su Marche, Lazio orientale, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Puglia settentrionale, inizialmente al di sopra dei 500-800 metri e in progressivo abbassamento fino al livello del mare, con apporti al suolo generalmente moderati (cioè compresi tra 5 e 20 cm), ma localmente abbondanti (con valori superiori a 20 cm) sulle regioni adriatiche. Mentre dal primo pomeriggio, attese nevicate su Puglia centro-meridionale, Calabria e Sicilia settentrionale, inizialmente sopra 1000-1200 metri in progressivo abbassamento dapprima fino ai 300-500 metri e successivamente, dalle prime ore di venerdì 6 gennaio, fino al livello al mare, con apporti al suolo generalmente moderati, localmente abbondanti alle quote collinari e montuose della Sicilia settentrionale.

Le zone più a rischio. Sicuramente le interne appenniniche tra Marche e Abruzzo, dove la quantità di neve attesa potrebbe superare già 30-40 cm. Quantità simili sono attese sulla Sicilia nordorientale e in particolare nel massiccio etneo. Altrove nevicherà meno mai oltre 20 cm.
Un invito alla "massima prudenza" è stato fatto anche da Autostrade per l'Italia, che annuncia di aver già avviato tutte le attività preventive previste dal "Piano Neve", con oltre 600 mezzi operativi antineve coinvolti sul territorio interessato, 1.500 operatori e 60.000 tonnellate di fondenti stradali.

Autostrade per l'Italia che mette in guardia gli automobilisti dal percorrere le seguenti tratte autostradali.

  • A14 Bologna-Taranto, tra Rimini e Taranto;
  • A16 Napoli-Canosa, tra Baiano e Candela;
  • A1 Milano-Napoli, tra Arezzo e Attigliano e tra Frosinone e Ceprano, nelle prime ore del 6 gennaio;
  • A30 Caserta-Salerno.

Le raccomandazioni per gli utenti

E' bene munirsi di pneumatici invernali più sicuri e adatti al transito su strade e autostrade in condizioni di fondo innevato; ove si disponesse delle sole catene, evitare assolutamente di montarle o smontarle lungo le corsie di emergenza o di marcia o all'interno delle gallerie per evitare gravi rischi per la sicurezza delle persone e intralcio ai mezzi antineve: l'operazione è consentita solo in Area di Servizio e di Parcheggio. Inoltre è bene 

  • Programmare le partenze ben informati, evitando ove possibile il viaggio sulle tratte e nei periodi interessati dalle nevicate piu' intense e considerando comunque tempi di percorrenza superiori alla norma, per effetto delle precipitazioni, dell'azione dei mezzi antineve (che operano a 40 km/h) e del traffico stesso;
  • Controllare la piena efficienza del veicolo, fare il pieno di carburante e dotarsi di una minima scorta di genere di prima necessità soprattutto se si viaggia con bambini;
  • avere a bordo giubbini rifrangenti; triangolo, catene da neve o pneumatici invernali in buone condizioni.
  • agli utenti della categoria Autotrasporto, vista la probabile attivazione dei provvedimenti di fermo e divieto temporaneo della circolazione per i mezzi con massa complessiva a pieno carico superiore alle 7,5 ton, previsti dallo specifico Protocollo operativo, Autostrade per l'Italia consiglia di evitare il transito sulla A14 adriatica e sulla A16 Napoli-Canosa nel periodo interessato dalle precipitazioni nevose.

Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21, attivo 24 ore su 24. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epifania con la bufera di neve, la Protezione civile avverte: "Limitare gli spostamenti"

Today è in caricamento