Lunedì, 18 Ottobre 2021
Roma

Che cosa è successo oggi alla manifestazione contro il green pass a Roma

A piazza del Popolo si stima abbiano preso parte al sit-in circa 10mila persone. Tra i manifestanti anche gruppuscoli organizzati di fazioni di estrema destra che hanno provocato ad occupare la sede della Cgil, cercando poi di arrivare fino a Palazzo Chigi

Oggi sabato 10 ottobre si sono tenute a Roma due grandi manifestazioni dei no green pass. Le proteste, che sono iniziate intorno alle 15, si sono svolte a piazza del Popolo e a Bocca della Verità. Le manifestazioni statiche erano state autorizzate fino alle 19 ma la calma è stata interrotta ben prima. A piazza del Popolo in particolare si stima abbiano preso parte circa 10mila persone e al sit-in hanno preso parte anche gruppuscoli organizzati di fazioni di estrema destra tra cui Forza Nuova.

Giuliano Castellino arringa la folla no green pass a piazza del popolo-2

Il leader romano della formazione neo fascista

Giuliano Castellino è salito sul palco per arringare la folla chiedendo le dimissioni di Draghi e Mattarella.

Video | Che cosa è successo oggi a Roma

Non sono mancati momenti di tensione: nel corso della protesta un manifestante è salito sul tetto di un blindato delle forze dell'ordine schierato all'angolo tra la piazza e via del Babuino. Poi sono iniziati i lanci di oggetti contro la polizia, soprattutto sedie.

no green pass assedio blindato-2

Blindati delle forze dell'ordine assediati, fermo immagine da video Adnkronos

No green pass occupano la Cgil

Altre persone insieme al leader romano di Forza Nuova Giuliano Castellino si sono spostate a via Veneto dove, dopo essersi svincolati dalle forze dell'ordine, si sono diretti verso piazzale Brasile. La polizia ha dovuto caricare i manifestanti diretti verso Villa Borghese che avevano cercato di sfondare il cordone delle forze dell'ordine. I manifestanti si sono poi diretti alla sede della Cgil a Corso d'Italia dove un gruppo di facinorosi è entrato nella sede del sindacato per "occuparla" simbolicamente al grido "No green pass".

Lanci di petardi e bombe carta lungo il tragitto mentre le tensioni e gli scontri con le forze dell'ordine sono proseguiti fino a Porta Pinciana.

Idranti e lacrimogeni in via del Corso

A Largo Chigi, poco distante da Palazzo Chigi, il cordone delle forze dell'ordine che è impegnato a contenere i manifestanti del sit-in No green pass ha esploso diversi lacrimogeni per disperdere la folla ed evitare ulteriori scontri. La polizia ha poi azionato gli idranti dai blindati. La situazione è ancora molto tesa. I manifestanti in risposta lanciato petardi e bombe carta. Gli ingressi di Montecitorio e di palazzo Chigi sono presidiati da camionette della polizia. Intanto alcune persone hanno raggiunto le transenne che circondano piazza Colonna, su cui si affaccia il palazzo del Governo.

Aggiornamento alle 18:59 - Dopo una serie di cariche e lancio di lacrimogeni e getti di idranti attivati dalle forze dell'ordine, i manifestanti sono arretrati di qualche decina di metri lungo via del Tritone e via del Corso, ma continuano a fronteggiarsi con il cordone degli agenti. Proseguono anche i lanci di oggetti dal corteo, composto anche da persone con il volto travisato. Alla manifestazione ci sono romani e tanti cittadini venuti dal Nord Italia.

Una altra parte del corteo ha bloccato totalmente Ponte Regina Margherita, il ponte all'altezza di Piazza del Popolo, paralizzando il traffico. Tra i manifestanti alcuni si sono seduti in terra in mezzo alla carreggiata, con striscioni e cori, prima di defluire.

green pass roma-3

C'è un problema con il green pass obbligatorio per lavorare

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che cosa è successo oggi alla manifestazione contro il green pass a Roma

Today è in caricamento