Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Italia

Un nuovo Dpcm sulle mascherine, ora Conte accelera: "Scaricare Immuni obbligo morale"

Dopo l'allarme per il boom di contagi il presidente del Consiglio parlando di eventuali nuovi provvedimenti ha spiegato: "Torneremo a confrontarci con le Regioni e deliberemo se estendere l'obbligo mascherine a tutta Italia"

Obbligo di mascherine all'aperto in tutta Italia e la possibilità di un richiamo ai governatori per attenersi ai numeri, già contenuti nel Dpcm in vigore, per gli eventi al chiuso e all'aperto, in particolare quelli sportivi. Fonti di governo spiegano all'Adnkronos che i contenuti del nuovo Dpcm -che potrebbero essere discussi nel Cdm di lunedì sera in vista della proroga dello stato d'emergenza al 31 gennaio - potrebbero prevedere anche un richiamo, o meglio un invito ai governatori ad attenersi alle regole stabilite sugli eventi, con un limite massimo di 200 spettatori per quelli al chiuso e non oltre i 1000 per gli eventi all'aperto.

Le ordinanze regionali che eccedono i paletti contenuti anche nell'attuale Dpcm non sono state impugnate dal governo "per non inasprire il clima - spiegano le stesse fonti - ma con il balzo dei contagi bisogna riportare tutti al rispetto delle regole, senza eccezioni". Si guarda, in particolare, al governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, con le partite della bolognese Virtus aperte a un massimo di 2000 spettatori. "Non vogliamo certo andare allo scontro - proseguono - però bisogna alzare il livello di guardia".

Conte: "Scaricare Immuni è obbligo morale"

"Scaricare la app Immuni (clicca qui per scaricare) è facoltativo, ma è sicuramente un obbligo morale". Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte che in merito all'allarme per il boom di contagi ed eventuali nuovi provvedimenti ha spiegato: "Torneremo a confrontarci con le Regioni e deliberemo se estendere l'obbligo mascherine a tutta Italia".

++ articolo in aggiornamento ++

Il governo si confronterà con il Parlamento prima di approvare la proroga dello stato di emergenza al 31 gennaio a causa della pandemia, ma "non si tratta di un lockdown, né significa che qualcuno sta abusando di pieni poteri" ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte al termine del Vertice Ue.

"Chiederemo la proroga dello stato di emergenza, ma non l'abbiamo ancora deliberato perché aspettiamo al confronto con il Parlamento - ha detto Conte - lo stato di emergenza ci permette di mantenere una serie di poteri e di facoltà che sono necessari a gestire la situazione", ha aggiunto. "La proposta è quindi quella di prorogare lo stato di emergenza ma questo non è lockdown o significa che qualcuno che sta abusando di pieni poteri, ma di prorogare e mantenere operativi una serie di facoltà per mantenere in piena efficienza la macchina".

Coronavirus, il bollettino di oggi venerdì 2 ottobre 2020: la mappa dei nuovi focolai 

"Rischio di un rapido peggioramento dell'epidemia": l'indice Rt torna sopra 1

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo Dpcm sulle mascherine, ora Conte accelera: "Scaricare Immuni obbligo morale"

Today è in caricamento