rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Frosinone

Omicidio Alatri, i due fratelli fermati non rispondono al gip: restano in carcere

In carcere a Regina Coeli il primo interrogatorio dei due accusati della morte del giovane Emanuele Morganti. "Io con il pestaggio non c'entro niente", ha detto Mario Castagnacci

Restano in carcere Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, i due giovani fermati per l'omicidio di Emanuele Morganti.

Al termine dell'interrogatorio a Regina Coeli, durante il quale i due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, il gip del tribunale di Roma, Anna Maria Gavoni, ha convalidato il fermo e ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

"Io con il pestaggio non c'entro niente", avrebbe detto Mario Castagnacci durante l'interrogatorio di giovedì, durato cinque ore, col procuratore capo di Frosinone Giuseppe De Falco. Il giovane avrebbe così negato ogni responsabilità nel pestaggio di Emanuele. Castagnacci, che risponde di omicidio volontario con Palmisani, ha comunque ammesso la sua presenza in piazza al momento dell'aggressione.

I FUNERALI - Dopo l’autopsia che si è svolta giovedì sul corpo di Emanuele, la salma del giovane è nella camera ardente allestita al Policlinico Tor Vergata di Roma. Fissata la data dei funerali per sabato 1 aprile, ad Alatri nella chiesa di Tecchiena Castello alle tre del pomeriggio.

Emanuele Morganti, il giovane ucciso ad Alatri

Task force della polizia, intanto, ad Alatri (Frosinone) dopo l’omicidio di Emanuele, massacrato di botte dal branco in piazza Regina Margherita. Nella città ciociara c’è un’intensa attività di controllo, anche su indicazioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunito lunedì scorso dal prefetto Emilia Zarrilli dopo la tragica rissa verificatasi nella notte tra venerdì e sabato scorso. Impegnate, sotto la “cabina di regia” della questura, numerose pattuglie della Squadra Volante, della Polstrada e del Reparto Prevenzione Crimine Lazio. L’attività dei poliziotti ha interessato il centro cittadino e la frazione di Tecchiena, dove viveva Emanuele. Identificate decine di persone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Alatri, i due fratelli fermati non rispondono al gip: restano in carcere

Today è in caricamento