rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
A Capodanno / Ragusa

Migrante ucciso a sprangate, bloccati tre giovani: due sono minorenni

L'omicidio all'esterno di una discoteca. La vittima avrebbe fatto un apprezzamento su una ragazza, scatenando la furia dei tre. Nell'auto del maggiorenne sono state trovate le mazze usate per colpire

Tre giovanissimi - un neodiciottenne e due minorenni - sono stati fermati nella notte dai carabinieri con l'accusa di avere ucciso Slimane Marouene, il tunisino di 30 anni colpito a morte a sprangate all'alba del 1° gennaio a Vittoria (Ragusa). L'agguato mortale all'esterno della discoteca "Dolce Vita".

Come detto solo uno degli indagati è maggiorenne: ha compiuto 18 anni da qualche mese. Nella sua auto sono state trovate due spranghe di ferro e un coltello a serramanico utilizzati per l'aggressione. I tre giovani sono stati individuati anche grazie ad alcune testimonianze, poi il ritrovamento delle armi ha consentito di chiudere il cerchio delle indagini. Sono stati condotti in caserma e interrogati dal sostituto procuratore Silvia Giarrizzo, che ha coordinato le indagini; alla fine il ragazzo più grande ha ammesso le proprie responsabilità.

Slimane Marouene è stato ucciso intorno alle 4,30 del mattino, al termine di una festa per brindare al nuovo anno. "La Dolce Vita" è un abituale luogo di ritrovo di immigrati che lavorano nelle serre della vasta zona agricola tra Vittoria, Acate e Santa Croce Camerina. A causare l'aggressione sarebbe stata qualche frase di troppo che la vittima avrebbe rivolto a una ragazza. Da qui la reazione dei tre che lo hanno ucciso e che ora si trovano in carcere a Ragusa.  

Tutte le notizie su Today.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migrante ucciso a sprangate, bloccati tre giovani: due sono minorenni

Today è in caricamento