rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Omicidi

Ammazza la madre, poi chiama il 112: "L'ho uccisa, venite"

Il corpo della donna è stato ritrovato nell'intercapedine di una villetta di Casal Palocco, a Roma. La chiamata al 112 da parte del figlio della vittima

"Ho ucciso mia madre, venite": questa la telefonata fatta al 112 intorno alle 12:30 di oggi 28 marzo. La chiamata da una abitazione al civico 81 di via Amipsia a Casal Palocco, Roma, da dove un uomo di 51 anni, Gianluca Sari, si è autodenunciato ai carabinieri riferendo loro di aver nascosto il corpo della donna, Maria Grazia Cornero, di 80 anni, in una intercapedine della villa, suddivisa in due appartamenti, dove madre e figlio vivevano insieme. 

MACABRA SCOPERTA

I carabinieri della stazione di Casalpalocco e della compagnia di Ostia sono intervenuti sul posto e hanno fatto la macabra scoperta, trovando il corpo privo di vita della donna. Sono in corso i rilievi, mentre l'uomo è stato portato in caserma. La sua posizione è al vaglio dell'Autorità Giudiziaria.  

INDAGINI IN CORSO

Sari è accusato di "omicidio" e "occultamento di cadavere". I primi ricontri medici raccontano di diverse ferite sul dorso e sulle braccia della vittima. Ancora da definire il movente dell'assassinio così come l'arma usata per il delitto ma, secondo una prima ricostruzione fatta dai Carabinieri l'uomo soffrirebbee di disturbi psichici. I due, piemontesi di origine, si erano trasferiti nel X Municipio da 20 anni.

Omicidio a Casal Palocco, 28.03.2017

Gli aggiornamenti su RomaToday

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ammazza la madre, poi chiama il 112: "L'ho uccisa, venite"

Today è in caricamento