rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Ferita anche una donna / Latina

Giovanni Fidaleo, il direttore d'albergo ucciso dal carabiniere Giuseppe Molinaro: cosa sappiamo finora

Gli esami balistici permetteranno di accertare la traiettoria esatta dei colpi sparati e ricostruire la dinamica dell'orrore di Suio. Il movente sarebbe da rintracciare nella gelosia dell'uomo. Ferita una donna

Grave fatto di sangue a Suio, in provincia di Latina. Giuseppe Molinaro, carabiniere di 58 anni, ha ucciso a colpi d'arma da fuoco il direttore di un albergo, Giovanni Fidaleo. Poi ha sparato contro una donna, colpendola all'addome e ferendola in modo grave, e si è dato alla fuga. 

La fuga non è durata molto, ieri in serata l'uomo si era già fatto arrestare. Il militare, in servizio in una stazione dell'Arma nel Casertano, è stato fermato dalla procura di Santa Maria Capua Vetere per omicidio e tentato omicidio. La vittima è il gestore 60enne di un albergo di Castelforte, struttura che si trova nella zona termale di Suio. Pare che anche la giovane ferita, una trentenne, lavorasse nell'hotel. Dopo l'omicidio e il ferimento della donna, Molinaro si è diretto verso il Casertano fermandosi da un amico a Teano. Avrebbe raccontato tutto e preso la decisione di chiamare i colleghi, che l'hanno portato in caserma. 

Da un primo interrogatorio reso da Molinaro presso la caserma di Capua, sarebbe emerso un movente che ha a che fare con la donna rimasta ferita. Con quest'ultima sembra che il carabiniere avesse o avesse avuto in passato una relazione, ma il militare riteneva che anche Fidaleo frequentasse la 40enne. E così lo ha preso di mira. Avrebbe raggiunto l'hotel dove era sicuro di trovare l'uomo, e nel parcheggio della struttura ha incrociato il 60enne gestore e la giovane donna: ha fatto fuoco.

Le indagini sono solo all'inizio. Gli esami balistici nei prossimi giorni permetteranno di accertare la traiettoria esatta dei colpi sparati. Il provvedimento di fermo per il carabiniere è stato disposto dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, competente per il fermo, essendo avvenuto nel Casertano, mentre la procura di Cassino è quella competente per territorio, che effettuerà le indagini preliminari. Il fermo dovrà essere convalidato entro 48 ore dal gip.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovanni Fidaleo, il direttore d'albergo ucciso dal carabiniere Giuseppe Molinaro: cosa sappiamo finora

Today è in caricamento