Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Fermo

Difende la moglie da insulti razzisti, migrante nigeriano ucciso di botte

A Fermo un migrante nigeriano di 36 anni, Emmanuel Chidi Namdi, arrivato in Italia a settembre con la moglie 24enne dopo essere scappato da Boko Haram, è stato ammazzato di botte in strada da un italiano con un palo della segnaletica

Ucciso di botte in strada, per aver difeso la moglie da un italiano che la chiamava "scimmia". Così è morto a Fermo un migrante nigeriano di 36 anni, Emmanuel Chidi Namdi, arrivato in Italia a settembre con la moglie 24enne dopo essere scappato dai terroristi di Boko Haram. 

CON UN PALO - Namdi è stato colpito da un 35enne con un palo della segnaletica stradale, dopo aver reagito agli insulti rivolti alla donna. Uno dei colpi ha causato un'emorragia celebrale devastante che l'ha portato in coma irreversibile. Anche la donna è stata picchiata, e ha riportato escoriazioni guaribili in sette giorni. Emmanuel è morto dopo il ricovero all'ospedale Murri.

FUGGITI DALLA NIGERIA - Il nigeriano e la compagna erano arrivati al seminario vescovile di Fermo, che accoglie profughi e migranti, a settembre. I due se ne erano andati dalla Nigeria dopo l'assalto di Boko Haram a una delle chiese cristiane del posto: nell'esplosione erano morti i genitori della coppia e una figlioletta. Il viaggio era stato drammatico. Infatti in Libia erano stati aggrediti e picchiati da malviventi del posto e la moglie di Emmanuel aveva subito un aborto durante la traversata.

FERMATO L'OMICIDA -  Amedeo M., accusato dell'omicidio di Emmanuel Chidi Namdi, è in stato di fermo per omicidio preterintenzionale. La polizia in raccordo con la procura che ha in mano il fascicolo ha vagliato testimonianze, alcune anche discordanti.

VEGLIA - Veglia di preghiera a fermo per la morte del giovane nigeriano, picchiato per aver difeso la moglie da insulti razzisti. La veglia è presieduta da don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, che assiste i rifugiati e aveva dato ospitalità nel seminario al 36enne ucciso e alla moglie. Albanesi ha ricevuto anche una telefonata dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha espresso solidarietà e vicinanza per la morte del giovane. Alla veglia molti cittadini ed esponenti delle istituzioni locali che si sono stretti intorno alla giovane moglie della vittima, anche lei presente alla commemorazione.

PD - La morte del nigeriano nelle Marche suscita lo sdegno delle forze politiche, in particolare del Pd. Sono tanti i parlamentari che hanno voluto esprimere la loro opinione, come la senatrice Camilla Fabbri secondo la quale:"Quanto avvenuto oggi a Fermo assomiglia a un film dell`orrore ma purtroppo è una tragedia vera che spezza la vita di un migrante sfuggito con la sua compagna al terrorismo e alla guerra, facendo svanire il loro sogno per una nuova vita". "Fatti come questo - prosegue Fabbri - impongono una riflessione seria, non di circostanza, ma che guardi in profondità cosa ha prodotto questa insensata esplosione di violenza nella comunità cittadina di Fermo, dove in tanti si danno da fare per un`integrazione e una convivenza pacifica con chi fugge dai mali del mondo. Soprattutto, a cominciare dalla politica e dalle istituzioni, si deve agire per trovare l`antidoto affinché drammi come quello di oggi - conclude la parlamentare democratica - non si ripetano".

BOLDRINI -  "Suscita sgomento e indignazione la notizia del richiedente asilo nigeriano pestato a morte a Fermo. Un uomo che era venuto via dal suo Paese per scampare alla ferocia dei terroristi di Boko Haram ha perso la vita qui da noi, in Italia, sotto i colpi dell'odio razzista e xenofobo". E' quanto afferma in una nota la presidente della Camera, Laura Boldrini. "Mi addolora ancor di più che questo fatto orribile sia avvenuto nella mia regione, che è sempre stata terra di solidarietà e di accoglienza - prosegue Boldrini -. Abbraccio nel modo più affettuoso la giovane compagna dell'uomo ucciso e mi auguro che dal territorio, già investito nei mesi scorsi da episodi inquietanti come gli attentati alle chiese della zona, arrivi la risposta più netta, capace di isolare ed espellere i violenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Difende la moglie da insulti razzisti, migrante nigeriano ucciso di botte

Today è in caricamento