Martedì, 26 Gennaio 2021
Roma

Roma, omicidio di pieno giorno: 48enne freddato a colpi di pistola dal vicino di casa

Un 48enne italiano è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco poco fuori dalla sua abitazione in località Spregamore, in zona Castel di Leva, alle porte di Roma

Si è costituito il vicino di casa di Fabio Catapano, il 48enne ucciso la mattina di oggi 17 luglio 2020 davanti al cancello del comprensorio dove viveva con la compagna e i sei figli. L'uomo, un 23enne reo confesso del delitto, si è presentato nella caserma dei carabinieri del Divino Amore poche ore dopo l'omicidio. "L'ho ucciso io" avrebbe detto ai militari mostrando loro l'arma usata per il delitto (una pistola di piccolo calibro) e spiegando di aver agito per motivi passionali.

Un tradimento, però, subito dalla vittima e al quale gli investigatori al momento sembrano credere poco.

Omicidio al Divino Amore, gli aggiornamenti su Romatoday

Fabio Catapano, imbianchino di professione, viveva in casa con la compagna insieme a sei figli, tre suoi e tre della donna. È stato ucciso a colpi d'arma da fuoco poco fuori dalla sua abitazione in località Spregamore, in zona Castel di Leva, alle porte di Roma. Inutili i soccorsi, l'uomo è morto sul colpo. Sul posto i carabinieri della Stazione Divino Amore, del Nucleo Operativo di Pomezia e del Nucleo Investigativo di Frascati impegnati nei rilievi. Un omicidio in pieno giorno avvenuto poco dopo le 10:30 di oggi, venerdì 17 luglio.

Secondo quanto apprende Romatoday la vittima sarebbe rimasta uccisa da una serie di proiettili: una vera e propria esecuzione a pochi metri dalla propria abitazione. Il corpo dell'uomo è rimasto sull'asfalto mentre i passanti hanno subito chiamato i soccorsi, purtroppo inutilmente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, omicidio di pieno giorno: 48enne freddato a colpi di pistola dal vicino di casa

Today è in caricamento