rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Benevento

Finito in carcere per pedofilia, esce in permesso premio e viene ucciso

L'uomo era stato arrestato nel 2009 con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una 15enne che poi si era tolta la vita

Aveva lasciato il carcere da pochi giorni per un permesso premio, e nella sera di giovedì è stato ucciso a Frasso Telesino, in provincia di Benevento, nella casa dove abitava. La vittima è un ex pastore, Giuseppe Matarazzo, di 45 anni, arrestato dai carabinieri nel 2009 con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una 15enne del posto che dopo qualche tempo si tolse la vita impiccandosi.

Gli investigatori indagano senza escludere alcuna pista. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, qualcuno intorno alle 20 lo ha attirato fuori dall'abitazione e gli ha esploso contro due colpi. Non è ancora chiaro se l'assassino abbia usato un fucile o una pistola. Eseguiti i rilievi per cercare eventuali tracce lasciate dall'omicida.

Nel marzo 2009, Matarazzo era stato indagato per il suicidio di una 15enne di Frasso Telesino. La ragazzina fu trovata il 6 gennaio 2008 impiccata ad un albero vicino casa sua. Secondo l'accusa, l'uomo aveva approfittato dello stato di vulnerabilità della minorenne. Nel dicembre 2011 l'uomo fu condannato a undici anni e sei mesi dalla Corte di Appello di Napoli, pena che stava scontando.

Assolto, ma deve restare in carcere: la storia (assurda) di Marco De Silli 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finito in carcere per pedofilia, esce in permesso premio e viene ucciso

Today è in caricamento