rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
CATANIA

Omicidio Giordana Di Stefano, l'autopsia: "Uccisa da 42 coltellate"

Aveva comprato un coltello di pochi centimetri, per sicurezza e difesa. Così Luca Prioro ha raccontato al gip che sta portando avanti le indagini. Arrivano anche i risultati dell'autopsia. Intanto a Catania sono stati celebrati i funerali della giovane mamma

Dopo aver tentato la fuga ed essere stato fermato, adesso Luca Priolo ha confessato e racconta la sua versione dei fatti. Così quando il gip gli ha chiesto perché avesse comprato il coltellino con cui ha accoltellato a morte Giordana Di Stefano, la sua ex, lui ha risposto che non lo aveva fatto con l'obiettivo di ucciderla. Quella piccola arma serviva per difendersi: "La zona di Belpasso (dove il giovane vive ndr) la sera è isolata e pericolosa" spiega. Intanto le indagini vanno avanti. 

A Catania invece sono stati celebrati i funerali di Giordana, dopo che è stata effettuata l'autopsia. Dall'analisi dei medici legali un dettaglio inquietante: la giovane mamma è stata colpita ben 42 volte con quel coltellino, 19 delle quali alla schiena, con una violenza tale da averle procurato delle microfratture al cranio

La coppia aveva una figlia di 4 anni, che viveva con la madre e la nonna materna. Il giovane dopo il delitto è fuggito ed è stato catturato a Milano: i carabinieri hanno scoperto che stava per fuggire all'estero dopo Luca ha mandato un sms al padre da un cellulare di un ignaro passante. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Giordana Di Stefano, l'autopsia: "Uccisa da 42 coltellate"

Today è in caricamento