rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
GENOVA

Genova, anziana uccisa a forbiciate per la pensione

Il corpo della vittima è stato trovato nel suo appartamento in un lago di sangue, da una vicina. L'ipotesi principale è quella di una rapina finita male visto che nella mattinata la donna aveva ritirato la pensione

GENOVA - Anziana trovata morta in un lago di sangue nel suo appartamento. Agghiacciante e di una violenza inaudita l'omicidio: Giovanna Mauro infatti aveva un paio di forbici conficcate nella gola. La vittima, di 90 anni, era vedova da sei anni e viveva sola in un appartamento nel quartiere di Borgoratti.

Nella serata di mercoledì 2 ottobre, la quiete del quartiere viene spezzata da un via vai di pattuglie della polizia che incuriosiscono i vicini. Segue uno choc generale, per un omicidio compiuto con tanta efferatezza nei confronti di una persona benvoluta da tutti e sempre disposta a dare una mano al suo prossimo.

Il primo sospetto sulle condizioni di Giovanna parte dal figlio, Giuseppe, che dopo diversi tentativi di mettersi in contatto con la madre, tutti andati a vuoto, decide di telefonare ad una vicina perchè andasse a controllarne l'appartamento. La vicina, in possesso delle chiavi di casa dell'anziana, raggiunge subito la porta e la apre. Ma lo spettacolo che si trova davanti è orripilante: le macchie di sangue iniziano nel corridoio e passo dopo passo diventano sempre più grosse fino ad arrivare al corpo straziato di Giovanna Mauro. Immediata la richiesta di soccorso.

TRAGEDIA IN SICILIA: AMMAZZA LA MOGLIE A FUCILATE, FERISCE IL FIGLIO E SI SUICIDA

Giunti sul posto gli inquirenti, iniziano subito le indagini per ricostruire la vicenda e tentare di scoprire l'identità dell'omicida. Gli agenti hanno iniziato subito ad ascoltare vicini di casa e conoscenti della vittima per cercare di raccogliere elementi utili. Il primo obiettivo della squadra mobile è quello di ricostruire nei dettagli gli spostamenti dell'anziana durante l'arco della giornata. Pare che Giovanna nella mattinata fosse andata a ritirare la pensione alle Poste.

Un elemento da tener seriamente in considerazione riguarda la porta dell'appartamento: pare infatti che sia stata chiusa dall'interno, il che porta a due diverse ipotesi. O l'anziana conosceva la vittima e le ha aperto volontariamente la porta, oppure, la seconda ipotesi porta a sostenere che il killer possa aver seguito la vittima fino a casa, convincendola poi a farlo entrare in casa, dopo che Giovanna era uscita una seconda volta nell'arco della giornata, verso le 15,30.

Nulla di certo ancora e le indagini continuano. Oltre ai vicini di casa, in serata la polizia ha convocato in questura un nipote, che saltuariamente frequentava la vittima. (da GenovaToday)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genova, anziana uccisa a forbiciate per la pensione

Today è in caricamento