Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Omicidio Varani, nessuna impronta di Foffo e Prato sulle armi: "Troppo sangue"

In base ai risultati consegnati dai carabinieri del Ris non risulterebbero evidenziate tracce sul coltello e sul martello utilizzati per uccidere il giovane Luca Varani, morto durante un festino a base di sesso e droga in un appartamento a Roma lo scorso 3 marzo

ROMA - Niente impronte digitali sulle armi utilizzate per uccidere Luca Varani, il giovane brutalmente assassinato nel corso di un party a base di droga ed alcol lo scorso 4 marzo in un appartamento di viale Igino Giordani, a Colli Aniene.

In base ai risultati consegnati dai carabinieri del Ris in Procura, non risulterebbero infatti evidenziate sul coltello e sul martello impronte digitali di Marco Prato e Manuel Foffo, i due accusati dell'omicidio. 

La massiccia presenza del sangue di Varani sulle armi utilizzate per torturarlo fino a procurargli la morte non rende possibile individuare le impronte dei due, rendendo complessa la definizione delle responsabilità di quanto avvenuto nell'appartamento la mattina del 4 marzo scorso.

I risultati della perizia per il pubblico ministero non muta, però, l'impianto accusatorio nei confronti di Prato e Foffo che dopo l'arresto si erano accusati a vicenda su chi materialmente avesse dato il colpo di grazia a Varani.

La notizia su RomaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Varani, nessuna impronta di Foffo e Prato sulle armi: "Troppo sangue"

Today è in caricamento